Il Borgo fantasma di Celleno cornice degli abiti da sogno di Paola Stramucci nel mondo

NewTuscia – CELLENO – Lunedì 7 ottobre il Borgo Fantasma di Celleno, precisamente nel Castello Orsini, ha ospitato lo shooting dei raffinati abiti da sposa e da sera del noto atelier di moda romano Glen Spose noto in Italia e in tutto il mondo. Celleno, che è stato recentemente riconosciuto dal Telegraph fra i 25 borghi fantasma pù belli d’Italia – è sempre più richiesto come location cinematografica o pervari eventi.

Il set, che si è svolto privatamente e interamente nella piazza del castello di Celleno, vedrà il servizio fotografico della nuova collezione degli abiti da sera e da sposa, della stilista Paola Stramucci, dell’atelier Glen Spose. Lo storico atelier ha scelto lo scenario di Celleno come sfondo delle realizzazioni 2019-2020 per unire la raffinatezza degli abiti con il contesto culturale e storico della location di Celleno. Gli scatti sono stati realizzati dal fotografo di moda Luca Storelli, con il supporto delle acconciature e il makeup per le modelle di Gian Marco Nardi.

L’idea e il progetto è stato avviato da Giulio Gargiullo esperto di marketing e comunicazioni, con origini cellenesi, con un accordo fra il Comune di Celleno e Glen Spose.

“L’idea degli scatti fotografici degli abiti di Paola Stramucci nel contesto del Borgo Fantasma di Celleno – commenta Gargiullo – nasce dall’idea di valorizzare la nota e meravigliosa location e il brand di Celleno, offrendo uno sfondo eccezionale agli abiti della stilista Paola Stramucci. In tal modo, attraverso le foto e gli abiti di Glen Spose, la bellezza degli abiti e del Borgo Fantasma saranno portati in tutto il mondo come punto di forza legato alla territorialità, la storia e il Made in Italy”.

Fra le diverse attività di consulenza e di formazione fra Italia e Russia e nel mondo, Giulio Gargiullo è recentemente intervenuto a Medioera – Festival di cultura digitale sul tema: “Tuscia Worldwide: promuovere il territorio e il business nel mondo attraverso le news digitali ” teso appunto a sviluppare conoscenze e strategie utili a comunicare la Tuscia nel mondo.