Stallo elettrico e “rivolta” a Mammagialla: interviene Battistoni (Fi)

loading...

NewTuscia – VITERBO – “Ritengo sia doveroso dar voce al disperato appello dei rappresentanti dell’istituto carcerario Mammagialla di Viterbo, per quanto accaduto all’interno dello stesso, il 28 luglio u.s.

A seguito dell’interruzione della corrente elettrica, causata dal maltempo, oltre a diverse utenze private,  è rimasta isolata anche la casa circondariale in questione, divenendo teatro di atti di rivolta da parte dei detenuti, gettati nel panico e nel disagio insieme agli operatori di vigilanza.

La domanda però è sempre la stessa: poteva essere evitato? Sembrerebbe di sì. Lo stesso episodio, infatti, era accaduto appena 8 mesi fa, rendendo evidenti le conseguenze critiche di eventi come questo all’interno dell’istituto, che, pur disponendo di generatori ausiliari, come richiede la normativa, non sono potuti entrare in funzione (anche questa volta), poiché non manutenuti da oltre 10 anni e quindi inagibili.

Rivolgo quindi questo interrogativo al management del Mammagialla, al Direttore D’Andria, al Comandante Capo Bologna ed al Ragioniere capo Bracoloni, che, trattandosi di emergenze, dovrebbero avere il potere e l’interesse di risolvere questo increscioso stallo, che mette a repentaglio la sicurezza di chi vive l’istituto, oltre a non garantirne i diritti fondamentali”.

Così in una nota, il Senatore Francesco Battistoni.