Sutri, Pittoritto (Civiltà Italiana): “La città deve ritornare in mano ai suoi cittadini”

Riceviamo e pubblichiamo
Una breve precisazione per amore di chiarezza: Civiltà Italiana nasce come movimento spontaneo e come alternativa ideologica, politica, sociale e culturale, a tanti altri partiti e movimenti sia di sinistra come di destra e ha a cuore la cultura e il buon vivere dei cittadini italiani, la difesa delle nostre tradizioni, anche religiose, l’ambiente e la bellezza, in ossequio all’identità di un intero popolo. Il nome è stato preso dal frontespizio che campeggia nel “Palazzo della Civiltà Italiana” dell’Eur ai più noto come il “Colosseo Quadrato”, nessun plagio dunque ma puro e semplice riconoscimento delle nostre origini nazionali.
Ci fa piacere comunque sapere che abbiamo gli stessi obiettivi e visioni dell’Onorevole, pertanto sappia che per lui, ci saranno sempre le porte aperte per una collaborazione culturale e politica all’insegna del reciproco rispetto, visto che insieme abbiamo a cuore il bene del nostro Paese e quindi della piccola città di Sutri.
Infine desidero rassicurare non solo il Sindaco ma anche tutta la popolazione, che la mia affermazione di volermi candidare alle prossime, forse a breve, elezioni del comune era soltanto una “provocazione” e che non sono affatto interessata a guidare l’Antichissima città, che invece deve ritornare in mano ai suoi cittadini. Saranno quindi loro e soltanto loro a decretarne il destino.
La politica è un’arte sopraffina e l’Onorevole Sgarbi questo lo sa bene e ben conosce, come me, le sue raffinate strade.
Candida Pittoritto 
Civiltà Italiana 
Sutri