NewTuscia – ACQUAPENDENTE – Quest’anno il taglio dell’erba in prossimità delle strade è stato affidato dal comune di Acquapendente all’Anas per tutelare l’incolumità pubblica.

E’ stato pubblicato sul sito dell’amministrazione un comunicato che diffida “l’Anas Spa del Compartimento di Roma nella persona del responsabile del Compartimento e del Dirigente Settore Tecnico ad eliminare tempestivamente e comunque entro sette giorni dalla ricezione del documento lo stato di pericolo in cui versa la SS 2 Cassia, eseguendo il taglio dell’erba e la potatura delle piante che provocano il restringimento della carreggiata”. Avverte poi che “la mancata esecuzione da parte dei soggetti diffidati comporta l’assunzione di ogni responsabilità diretta ed indiretta” di ogni evento causato dalle problematiche create dalle suddette piante.

Le motivazioni sono presto dette, non si tratta solo di decoro urbano e igiene: le strade, che in alcuni tratti coincidono con il percorso della “Via Francigena”, devono consentire il transito dei mezzi e dei pedoni nella maggiore sicurezza possibile sia per quanto riguarda la carreggiata che la segnaletica. Cosa che viene meno dal momento che le piante invadono l’una e nascondono gli altri. Non da ultimo poi il rischio della propagazione degli incendi.

Fonte: Comune di Acquapendente