NewTuscia – ROMA -E’ un appello rivolto al Ministro della Difesa Elisabetta Trenta quello del Sindacato Aeronautica Militare che teme per il paventato ritardo ad ottobre, anziché a luglio, del pagamento del premio di produttività ed efficienza per le forze armate (FESI). Un ritardo ingiustificato, sottolinea il Segretario Generale del SIAM, Paolo Melis, che metterebbe in serie difficoltà moltissime famiglie, specie chi si trova nelle fasce di reddito più basse e che per luglio contavano sul bonus per portare qualche giorno al mare i figli dopo, magari, mesi di missione internazionale e duro lavoro.

È necessario anticipare il pagamento subito così come per Polizia e Carabinieri – conclude il Segretario del SIAM – per evitare disparità di trattamento e difficoltà al personale. Il Ministro intervenga a sostegno dei militari che non si sottraggono mai ai loro obblighi, sempre pronti e puntuali e così dovrebbe essere anche per il riconoscimento degli emolumenti previsti.

Lo dichiara il Segretario Generale del SIAM Paolo Melis