NewTuscia – VETRALLA – Riceviamo e pubblichiamo.

È arrivata l’estate con temperature altissime che superano anche i  40 gradi e ciò  comporta un alto pericolo di incendi nei terreni incolti e/o abbandonati con conseguente grave pregiudizio per l’incolumità delle persone e dei beni. L’abbandono e l’incuria da parte dei privati di taluni appezzamenti di terreni, posti sia all’interno che all’esterno dell’area urbana, comporta un proliferare di vegetazione, rovi e di sterpaglie che, con le elevate temperature estive, sono causa predominante di incendi.

Sono troppi i terreni che ricadono all’interno del nostro territorio comunale, alcuni di proprietà privata che versano in cattive condizioni, alcuni di proprietà comunale come i marciapiedi e le rotatorie dove spesso possiamo notare una manutenzione alle aree verdi assente. Non è solo un problema igienico-sanitario, ma anche di pericolo, visto che, come spesso accade, molti degli incendi si sviluppano o propagano proprio a causa di terreni non puliti adeguatamente.

Sarebbe il caso di far rispettare l’ordinanza con la quale impone la pulizia dei terreni incolti  ai privati. Come anche la stessa amministrazione dovrebbe eseguire una più attenta manutenzione alle aree verdi per evitare incendi come quelli che si sono verificati negli ultimi anni con il rischio che l’incendio interessasse anche le vicine abitazioni.

Le foto allegate risalgono a luglio 2017 che riguardano un vasto incendio verificatosi su terreni incolti a testimonianza che vanno eseguiti accurati controlli.

Striscia Vetralla