Operazione Underground, sette gli arrestati

NewTuscia – VITERBO –  Bledar Shtembari, Angelica Cazzato, Armand Cuni, Domenico Pennacchietti, Rudenc Medolli, Erjon Collaku e Massimiliano Petrucci. Sono le persone arrestate nell’operazione Underground, portata a termine dalla Dda di Roma, e accusate di aver creato un’associazione italo-albanese basata sul traffico di droga, in particolare cocaina, sequestro di persona a scopo, lesioni personali aggravate, estorsione e porto di arma da fuoco.

Dovranno rispondere alle domande del gip durante le prossime ore.

Due di loro si trovano già in carcere, quello che sembra essere il capo, Bledar Shtembari, e Armand Cuni, entrambi pregiudicati e irregolari in Italia.

L’operazione delle forze del’ordine ha avuto inizio dal pestaggio di un macedone, che sequestrato e picchiato dopo un affare andato male in cui era coinvolto anche lui, avrebbe dovuto sborsare dei soldi che non aveva. Finito in ospedale per ripetute percosse e minacce, alla fine avverte i carabinieri.

L’associazione, attiva da anni, faceva arrivare la droga dal Belgio, poi la spacciava attraverso dei pusher sul mercato viterbese e della provincia. La droga dopo essere stata tagliata e divisa in dosi veniva poi nascosta in barattoli di vetro insieme a del riso per togliere l’umidità e collocata prevalentemente in zone di campagna. Uno dei nascondigli è stato trovato in via Alcide de Gasperi.