I comuni per la migliore gestione dei rifiuti e l’economia circolare

loading...

di Stefano Stefanini

NewTuscia – Per il quarto anno, trecento sindaci in prima fila alla parata per la Festa della Repubblica. Per il quarto anno consecutivo si rinnova l’appuntamento per i sindaci con la parata ai Fori imperiali in occasione della Festa della Repubblica.

Saranno oltre trecento le fasce tricolori che apriranno la sfilata delle Forze armate che come da tradizione passeranno in rassegna sotto le più alte cariche dello Stato. I sindaci accreditati, di piccoli e grandi Comuni e di tutti i colori politici, si ritroveranno la mattina di domenica 2 giugno nei pressi del Colosseo, da dove partiranno in corteo per poi posizionarsi sulle gradinate allestite lungo via  dei Fori imperiali. Un appuntamento che conferma ancora una volta il ruolo centrale dei primi cittadini nella catena istituzionale della Repubblica, quale primo presidio e riferimento più vicino ai cittadini.

Per il settore ambiente e rifiuti segnaliamo un significativo incontro tra il ministro dellAmbiente Costa e il presidente del Consiglio Nazionale dellAnci Enzo Bianco allinaugurazione dellimpianto di compostaggio rifiuti speciali nel Trevigiano.

“Per noi amministratori locali è un motivo di orgoglio che l’impianto inaugurato sia gestito da un consorzio che rappresenta 49 comuni. La struttura è un modello esemplare che permetterà, anche grazie ad una tecnologia italiana, di recuperare il 99% del materiale utilizzato per la produzione dei pannolini. Ho ringraziato il ministro per la sua presenza e per l’attenzione a tutte le nostre istanze”. Lo ha affermato il Presidente del Consiglio Nazionale Anci Enzo Bianco che ha partecipato recentemente alla visita che il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha tenuto presso l’impianto di compostaggio Contarina di Lovadine di Spresiano nel trevigiano, nell’ambito della giornata di formazione organizzata per il ciclo di Seminari di formazione Anci-Conai.

Alla visita, cui era presente anche il Presidente del Conai Giorgio Quagliuolo, hanno partecipato numerosi amministratori di Lombardia e Piemonte. “Si è perso molto tempo con le autorizzazioni visto che l’impianto era pronto da molto tempo. Ma – ha ricordato il presidente Anci – grazie all’intervento del ministro, che una settimana fa ha firmato il decreto “End of waste” per il riciclo di pannolini e assorbenti, è arrivato il via libera all’attivazione dell’impianto che può smaltire fino a 10mila tonnellate l’anno di pannolini usati”.   Nel suo intervento il presidente del consiglio nazionale Anci ha colto l’occasione per informare il ministro su come l’Associazione sta procedendo a ritmo serrato per il rinnovo pluriennale dell’Accordo quadro Anci-Conai. “In piena sintonia con il delegato ai Rifiuti, Ivan Stomeo e con tutta la delegazione trattante, stiamo cercando di inserire nel nuovo accordo una specifica cultura ed obiettivi di prevenzione, tesi al recupero ed alla riduzione dei materiali di scarto”, ha spiegato Bianco.

Altro punto che sta particolarmente a cuore allAnci è quello di ridurre le distanze tra le due Italie sul fronte dello smaltimento dei rifiuti. Abbiamo un Paese che viaggia a ritmi evoluti, ed un altro che fatica a restare nella media.

Non sempre si tratta del Nord e del Sud visto che – ha sottolineato – nel Mezzogiorno troviamo sia comuni molto indietro, ma anche buone eccellenze. Il nostro obiettivo – ha concluso Bianco – è che sia fornita adeguata assistenza a tutti i comuni, aiutando quelli che sono ultimi ad essere sempre più vicini ai primi nella corretta gestione e smaltimento dei rifiuti”.