Omicidio San Luca, sopralluogo della scientifica sul luogo del delitto

NewTuscia – VITERBO – Via San Luca bloccata al traffico stamani intorno alle 10 per permettere ai membri della squadra scientifica di eseguire le analisi e i rilievi nel negozio dove Norveo Fedeli è stato ucciso il tre maggio.

Il locale in cui era ospitata la jeanseria del 74enne è sotto sequestro dal giorno dell’omicidio e per il momento non potrà essere restituita alla famiglia dato che l’inchiesta non è ancora chiusa. Michael Aron Pang ha confessato, ma la vicenda è tutt’altro che chiarita. Ci si affida alle prove tecniche per la scrupolosa ricostruzione dei fatti e agli sviluppi delle indagini della guardia di finanza sulla carta di credito dell’omicida. Secondo Pang la furia omicida sarebbe scaturita di fronte al blocco della carta, che lui riteneva coperta e funzionante, e all’impossibilità di saldare il conto di 600 euro con il negoziante.

Ciò che è certo è che Norveo Fedeli è morto colpito con uno sgabello di ferro rinvenuto nella bottega.