Veglia di preghiera per la concordia e l’unità dei popoli europei

NewTuscia – VITERBO – Giovedì 9 maggio 2019 si è svolta nella Chiesa di S Leonardo Murialdo la Veglia di preghiera ecumenica per la concordia e l’unità dei popoli europei, che la Fondazione Europea Insieme per l’Europa organizza nelle principali città europee. Il Segretario centrale, prof Franco Savi, ha portato il saluto della Fondazione.  Erano presenti le principali aggregazioni laicali della Diocesi di Viterbo con il Vescovo, S E Mons Lino Fumagalli, affiancato dal Pope P Vasile Stefan Bobita,  insieme a fedeli e laici per una serata di riflessione ed approfondimento dell’ideale di fraternità e di pace fra popoli di diverse religioni, culture, lingue.  Mons Vescovo in un breve intervento ha ricordato le comuni radici cristiane ed il valore della Solidarietà.

Numerose sono state le testimonianze, a partire da alcuni dei padri fondatori che hanno ispirato ed avviato questo processo unitario: il Pastore Evangelico D. Bonhoeffer, i laici Cattolici R. Schumann e A. De Gasperi, la Fondatrice del Movimento dei Focolari Chiara Lubich, il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I, fino ai giovani che oggi godono dei benefici umani e culturali di questo processo: fra tutti hanno parlato della loro esperienza un giovane del progetto Erasmus ed una ragazza evangelica del progetto di co-housing della Caritas diocesana.

Per finire un brano di Papa Francesco a Strasburgo per il conferimento del Premio Catlo Magno. Importante la partecipazione della comunità Ortodossa che insieme alla corale ed alla violoncellista, Signora Aniello, hanno musicato gli intervalli fra le letture bibliche.

La recita del Padre nostro, col saluto di Pace e la Benedizione finale hanno concluso una serata vissuta nello spirito di fraterna preghiera.

 

Mario Mancini