“La minoranza offende il patrono e tutti i cittadini”

NewTuscia – VASANELLO – Come offendere, in un colpo solo, il santo protettore del paese, San Lanno e tutte le rappresentanze istituzionali intervenute in occasione della solenne processione del 5 maggio, l’appuntamento più sentito da tutti i vasanellesi.

Il colpo da maestro è stato messo a punto con un post della minoranza in cui si definiscono  “comparse” i sindaci, i vicesindaci, il Vescovo, i sacerdoti, i facchini di Santa Rosa e di San Lanno che, con la loro presenza, hanno onorato il nostro Patrono e tutta la comunità.

Lo scorso anno, al termine della processione, l’Amministrazione comunale ha ritenuto giusto  offrire un pranzo alle autorità e a chi ha materialmente contribuito al buon esito dell’evento, con impeg

Il sindaco di Vasanello Antonio Porri

no e dedizione, come succede, del resto, in tutti i comuni civili.

Evidentemente l’opposizione ha una visione diversa delle buone maniere e non ha risparmiato commenti salaci sul fatto che a delle “comparse”fosse stato offerto un pranzo.

Vorremmo ricordare alla minoranza dalla memoria corta che la “Partecipazione alla processione del Patrono da parte dell’Amministrazione” è stata reintrodotta dal 2001 dal sindaco Paolocci ed è una misura a dimostrazione di rispetto del Comune al nostro Patrono e di vicinanza al “sentire”di tutti i vasanellesi.

Nello stesso post, con toni dissacranti, si ironizza, in maniera poco educata, anche sulle “calorie bruciate” in processione, lungo un “tragitto” che attraversa i quartieri del paese.

La sempre massiccia presenza della popolazione è una chiara dimostrazione della fede nei confronti del patrono come pure l’immancabile partecipazione del Vescovo e dei sempre disponibili Facchini.

Tutto ciò, evidentemente, sfugge al comune sentire dell’opposizione, secondo la quale avremmo dovuto far pagare il pranzo anche al vescovo e agli stessi facchini.

“Ritengo vergognoso pubblicare un post sulla pagina ufficiale Facebook della minoranza la mattina della festa Patronale che dovrebbe essere il momento di maggiore condivisione del sentirsi una comunità nei valori religiosi e civili, vergognoso fare ironia sulle “calorie bruciate” in processione e sul “tragitto” che attraversa i quartieri del paese, vergognoso definire “comparse” il Vescovo, i Sacerdoti, i Facchini di Santa Rosa e di San Lanno,  ed i Sindaci dei comuni limitrofi che hanno portato la testimonianza delle loro comunità per onorare San Lanno e tutti i cittadini – ha dichiarato il sindaco Antonio Porri. Trovo sconcertante che la minoranza debba  arrivare a tanto per avere visibilità.

Addirittura hanno così poche idee da essere costretti a fare della becera ironia il giorno della Festa Patronale?

Si tratta di una vergogna che non può essere sottaciuta, soprattutto perché perpetrata da chi, al contrario, dovrebbe rappresentare Vasanello nei suoi valori e nel sentire dei suoi cittadini.”