Il Comune di Castel Viscardo approva il bilancio di Previsione e la Prima Variazione 2019

NewTuscia – CASTEL VISCARDO – Il consiglio comunale di Castel Viscardo ha approvato il bilancio di previsione e la prima variazione per l’anno 2019.  Per quanto riguarda le dichiarazioni di voto, hanno votato a favore i consiglieri del gruppo di maggioranza guidati dal sindaco Daniele Longaroni mentre i consiglieri della lista di minoranza hanno espresso un voto contrario al previsionale astenendosi, invece, alla 1^ variazione.

“Anche per l’anno 2019 – commenta il sindaco – si può parlare di una previsione di bilancio che è stata redatta in osservanza delle norme di legge, un bilancio che non presenta criticità strutturali, solido e virtuoso caratterizzato da progetti importanti e da scelte di buon governo”.

Sostanzialmente ripropone una continuità con le linee del bilancio 2018 soprattutto per quanto riguarda i trasferimenti dallo Stato che si attestano sugli importi dell’anno passato. In generale la previsione delle  entrate è rimasta stabile rispetto a quella dell’anno 2018 anche in virtù del fatto che, per il corrente anno, nonostante la legge di bilancio lo permetta, non è previsto alcun aumento  delle tariffe (Imu, Tasi, Irpef) né dei servizi a domanda individuale.

L’impegno dell’amministrazione comunale andrà avanti nella lotta agli insoluti attraverso gli accertamenti  relativi all’anno 2014. Nelle linee di mandato dell’Amministrazione si è data notevole importanza ai servizi di manutenzione e conservazione del patrimonio comunale, tenendo presente sempre l’obiettivo di mantenere un buon livello di decoro urbano in tutti i centri.

Nel bilancio 2019 si impegnano risorse per garantire il buon funzionamento dei servizi per l’Infanzia ,  delle Scuole Primaria e Secondaria di Castel Viscardo e di Allerona Scalo e l’apertura delle Biblioteche  di Castel Viscardo e Allerona Scalo gestita in collaborazione con il Comune di Allerona e  per l’apertura del Centro di Aggregazione Giovanile di Monterubiaglio.

Il  Modus operandi in questi anni ha sempre riguardato la ricerca di investimenti sia pubblici che privati per migliorare la qualità della vita nel Comune di Castel Viscardo e incentivare l’occupazione.

Per quanto riguarda il piano triennale dei lavori pubblici sono previsti:

  • uno stanziamento di 811.753,00 già finanziato dalla Regione Umbria per il consolidamento di Monterubiaglio che è stato  realizzato a stralci. Questo permetterà di mettere definitivamente in sicurezza tutta via Mameli nella frazione di Monterubiaglio. La gara d’appalto, svolta dalla centrale di committenza provinciale, è stata aggiudicata alla ditta Antonini di Perugia, nei primi giorni di maggio sarà firmato il contratto e sarà effettuata la consegna dei lavori.
  • Per la Scuola Primaria e Secondaria abbiamo un altro intervento finanziato con fondi Mutui BEI della Regione Umbria che riguarda i lavori di miglioramento

energetico e completamento miglioramento sismico scuola primaria e secondaria capoluogo per euro 268.000. La gara d’appalto, svolta dalla centrale di committenza provinciale, è stata vinta dalla ditta Bilancini di Ischia di Castro, la consegna lavori è stata già effettuata e i lavori che si concluderanno presumibilmente entro il mese di settembre inizieranno a breve.

Sul fronte Aree Interne sono state presentate due progettazioni:

  1. Il progetto “Parco del Pinaro” finanziato dal Comune di Castel Viscardo e dal G.A.L. per complessivi 230.000 euro prevede la riqualificazione e rifunzionalizzazione del polmone verde del paese. A breve sarà emanata dal GAL la graduatoria definitiva e si procederà ad affidare alla centrale di committenza provinciale l’emanazione del bando di gara per i lavori.
  2. Interventi di recupero e funzionalizzazione dell’area archeologica in località Coriglia finanziato con fondi regionali per € 190.000,00 di cui è stato approvato il progetto esecutivo e si sta procedendo ad affidare alla centrale di committenza provinciale l’emanazione del bando di gara per i lavori che inizieranno presumibilmente nel mese di giugno.

Dal Ministero sono previsti fondi da impegnare sulla  sicurezza per un totale di €50.000,00 per i quali sono state previsti i seguenti lavori:

Progetto esecutivo per l’antincendio della Scuola Primaria, la Palestra e la messa in sicurezza dell’impianto termico della Scuola dell’Infanzia; Messa in sicurezza di strade comunali.

Sono stati inoltre stanziati fondi per interventi che saranno realizzati durante l’anno:

– Sistemazione e messa in sicurezza del campo di calcetto di Monterubiaglio € 40.000

– Manutenzione straordinaria di pubblica illuminazione su tutto il territorio Comunale €40.000

– Lavori di Asfaltatura e sistemazione strade comunali €65.000.

Nel mese di aprile partiranno i lavori per la riqualificazione della rotatoria di Castel Viscardo con il contributo della Pro Loco di Castel Viscardo e i lavori per il recupero della Meridiana presente lungo il Corso del Capoluogo.

Tra altri progetti posti in varie graduatorie in attesa di essere finanziati, e comunque già inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche, si annoverano:

  • Intervento di consolidamento e sistemazione idrogeologica dell’abitato di Viceno (III stralcio funzionale) per € 951.000,00 con fondi trasferiti dallo stato
  • Miglioramento sismico e efficientamento energetico della Scuola dell’Infanzia del Capoluogo con un progetto di 433.907,37 € con Fondi trasferiti dello Stato non ancora finanziata ma in graduatoria .
  • Recupero e restauro dei locali comunali in loc. ex aeroporto per protezione civile 650000€ ( Ministero)
  • Realizzazione campo di calcetto in frazione Pianlungo 180000,00€ ( Regione).

Civitella del Lago, apre mostra “Sulle tracce del genio” dedicata a Leonardo da Vinci

NewTuscia – CIVITELLA DEL LAGO – Si inaugura venerdì 12 aprile alle 18, con anteprima per la stampa alle 11, la mostra “Sulle tracce del genio: mappe e cosmografie ai tempi di Leonardo” a cura delle associazioni culturali CivitellArte, Roberto Almagià, Ovo Pinto e con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Terni e del Comune di Baschi.

Allestita in occasione delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, la mostra propone importanti cimeli cartografici originali e descrizioni del mondo pubblicati nei decenni a cavallo tra Quattrocento e Cinquecento, che delineano l’ambiente culturale nel quale Leonardo visse e si formò. Alcune delle cronache esposte, quali la Geografia di Claudio Tolomeo e la cronaca di Filippo Foresti, furono possedute da Leonardo, come testimoniato da alcuni elenchi nei quali egli indica i libri sia manoscritti che a stampa, che erano nella sua disponibilità.

Saranno esposte al pubblico una serie di cartografie originali  pubblicate nei decenni tra il quattrocento e il cinquecento possedute da Leonardo da Vinci e messe a disposizione dai collezionisti Emilio Moreschi e Roberto Borri. Visibile inoltre la tavola di Francesco Rosselli realizzata a Firenze nel 1492 e della quale si sono conservati solo tre esemplari, alla biblioteca nazionale di Firenze, a Milano, alla biblioteca ambrosiana e alla collezione privata di Emilio Moreschi di Bergamo. Quest0ultimo verrà esposto durante la  mostra.

La mostra è descritta in una pubblicazione-catalogo la cui parte scientifica è a cura dell’Associazione Roberto Almagià, arricchita con testi del Professor Carlo Vecce, ordinario di Letteratura italiana presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e uno dei massimi studiosi dei manoscritti di Leonardo da Vinci, e del professor Vladimiro Valerio, Professore di Geometria Proiettiva all’Università IUAV di Venezia, l’unico italiano ad aver ricevuto il premio internazionale Helen Wallis nel 2017 per il suo contributo agli studi storico cartografici.

La mostra sarà aperta solo il pomeriggio dal 13 al 20 aprile e tutto il giorno in occasione dell’edizione 2019 dell’Ovo Pinto dal 21 aprile al 1 maggio. Ad ulteriore completamento della proposta culturale, domenica 28 aprile alle 17, è in programma una conferenza dello storico d’arte Luca Tomio dal titolo “1503: Leonardo da Vinci e i paesaggi umbri del Rinascimento”.

Gli orari della mostra sono: dal 13 aprile al 20 aprile dalle 16 alle 19. Dal 21 aprile al 1 maggio ingresso a pagamento 3 euro dalle 10 alle 12 e 30 e dalle 16 alle 19.