Mammagialla, muore in seguito all’aggressione di un altro detenuto

NewTuscia – VITETBO – “Ennesimo segnale che il sistema penitenziario è ormai allo sfascio”. Sono le parole di appello e denuncia del segretario generale dell’Osapp Leo Beneduci riferendosi all’aggressione avvenuta nel carcere di Viterbo appena ieri sera.

Un recluso indiano, in carcere per tentato omicidio, ha attaccato briga con un altro detenuto, 61enne italiano e suo compagno di cella, colpendolo ripetutamente con uno sgabello per motivi di poco conto. L’uomo è poi morto in ospedale, a Belcolle, nel corso della notte.

Beneduci ribadisce il bisogno di provvedimenti veri, per la sicurezza del personale e delle stesse strutture penitenziarie perché questi fatti intollerabili sono dovuti anche alla carenza di personale nell’organico nelle carceri.