Erbetti (M5s): “La sede “fantasma” del Cev”

NewTuscia – VITERBO – A volte i gialli non riguardano solo le persone, ma anche gli immobili comunali, cerco di spiegarmi meglio: per sapere dove si trova la sede del CEV, credo che saremo costretti a rivolgerci a CHI L’HA VISTO.

Alla mia domanda semplice domanda di ieri in consiglio comunale, su dove fosse la sede CEV, né l’assessore al bilancio né il dirigente hanno saputo dare una risposta. Né, tantomeno, hanno saputo giustificare quale fosse il motivo dell’aumento delle spese di pulizia per quegli uffici fantasma.

Dai grafici che l’amministrazione ci ha messo a disposizione, appare chiaro che nel 2018 erano stati preventivati, alla voce spese per pulizie, 100€, somma che oltretutto non è neanche stata spesa. Vediamo poi che nel previsionale 2019, ce ne sono addirittura 1.000. Il mistero si infittisce ancora di più, quando scopriamo che lo scorso anno all’ufficio “scomparso” del CEV, per risparmiare, venivano staccati sia luce che acqua. Forse per le spese previsionali si è pensato che non essendoci acqua, si sarebbe dovuto provvedere a delle pulizie a secco? Sicuramente molto più costose di quelle tradizionali.

Forse ho fatto male a porre queste domande agli attuali amministratori. Riuscirò sicuramente a svelare il mistero rivolgendo le mie domande a Federica Sciarelli.

Massimo Erbetti
Consigliere M5S

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21