Viterbo, Fdi: “Sullo sviluppo termale necessario un dibattito aperto e partecipato”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. “Tutela del territorio e, contemporaneamente, sviluppo intelligente e mirato delle sue ricchezze.

La paventata possibilità di un possibile blocco dello sviluppo dell’area di 1600 ettari che si estende dal Bullicame al Riello, fino alle Masse di San Sisto, legata alle relative dichiarazioni della Sovrintendenza del ministero dei Beni culturali, deve essere assolutamente scongiurata.

Come già fatto presente oggi dal presidente della terza commissione Fabrizio Purchiaroni, ci auguriamo pertanto un confronto aperto ed approfondito sul tema della promozione termale, con un dibattito basato su relazioni di esperti ed osservazioni specifiche delle varie associazioni di categorie interessate.

Su un tema così importante, è necessaria un’unità di intenti finalizzata ad un risultato che riesca a coniugare la tutela dell’intera zona, come già evidenziato durante un incontro tematico in Prefettura dalla sovrintendente Margherita Eicheberg, ma, nello stesso tempo, l’urgenza di un generale rilancio dell’area, fondamentale, dal punto di vista economico, per la città di Viterbo e per l’intera provincia.”

 

Gruppo consiliare Fratelli d’Italia – Viterbo