8 Marzo, Narni: Presentazione guida di genere della città

NewTuscia – NARNI – Una guida di genere della città sarà presentata dal Comune di Narni venerdì in occasione dell’8 Marzo. L’appuntamento è alla sala Digipass di Palazzo dei Priori alle alle 16 nell’ambito delle iniziative della Giornata della Donna.

L’iniziativa sarà preceduta la mattina da un incontro con gli studenti e le studentesse dell’istituto tecnico-economico Einaudi e dalla presentazione, alle 16 ancora al Digipass, di una scrittura teatrale dal titolo “Il Brefotrofio Beata Lucia di Narni. Storie di projetti, donne e comunità” a cura di di Silvia Imperi e Carla Arconte. Letture di Anna Catania, Fronçoise Roccetti, Silvia Rosignoli, Maria Adelaide Cerri Ciummei, Maria Luigia Grisci, Laura Satolli e Maura Satolli.

Alle 18 l’inaugurazione, in Via Mazzini, della mostra “Leggiamo le nostre donne” a cura delle associazioni Sator e Uni3 Immagini Donna. Alle 21 infine al cinema Monicelli la proiezione del film “La donna che canta” di Denise Villeneuve.  (ptn 143/19   11.20)

(consultabile a www.provincia.terni.it – ufficio stampa / comunicati)

sala stampa on line: http://cms.provincia.terni.it/on-line/Home/UfficioStampa.html  facebookhttps://www.facebook.com/provincia.ufficiostampa/  twitterhttps://twitter.com/provterni

(provincia di terni notizie) 8 Marzo, Amelia: Incontro con donne soldato a 20 anni da legge 380 / AMELIA – 6 marzo – Si svolgerà l’8 marzo all’auditorium Sant’Agostino alle 16 l’iniziativa “Donne soldato 20 anni dopo” organizzato dal Comune di Amelia con il patrocinio del ministero della difesa. L’iniziativa farà il punto della situazione sull’attuazione della legge 380 istitutiva, 20 anni fa, della possibilità per le donne di intraprendere la carriera militare.

Saranno presenti, oltre al sindaco di Amelia, Laura Pernazza, alcune donne militari dell’aeronautica, dell’esercito, della marina, dei carabinieri e dei corpi armati. “La legge 380 – afferma il sindaco Pernazza illustrando l’iniziativa – ha aperto le porte delle carriere militari alle donne, le quali come dimostrano i fatti, hanno apportato professionalità riconosciuta sia dai colleghi italiani che da quelli di altri paesi partner internazionali. Vogliamo quindi dare voce alle protagoniste di questi 20 anni”.