Biblioteca Consorziale di Viterbo: al via un ciclo di conferenze

NewTuscia – VITERBO – Tutte le altre scienze saranno più necessarie della filosofia, ma nessuna superiore”, Aristotele aveva le idee chiare sulla collocazione e l’importanza di questa enigmatica pratica. Talmente datata e antica da essere oggi quasi dimenticata. Ma l’importanza di conoscerla, resta un punto necessario per la crescita di vita. 

Giovedì 28 febbraio, alla biblioteca consorziale, inizierà il ciclo di conferenze intitolato “Dalla scoperta del genius loci alle pratiche filosofiche“, che vedrà in tutto tre date sull’argomento (7 e 14 marzo le altre in programma), e voluto per far riscoprire e spiegare nel modo più semplice possibile una materia utile ma molto impegnativa.

In questo primo incontro, si parlerà delle “pratiche filosofiche: senso e significato della rinascita odierna della filosofia” con il professore Aurelio Rizzacasa, docente straordinario presso l’Università degli studi di Perugia e l’Istituto Teologico di Viterbo. 

E’ importante parlare e portare la filosofia anche fuori dalle accademie –  spiega Rizzacasa -. Cercare di far carpire la svolta delle filosofia attuale e capire l’importanza e la sapienza che da essa può derivare. Tutti possono riuscire ad essere filosofi, fondamentale è però pensare”.

Autore di oltre 20 volumi e di circa 50 saggi su tematiche filosofiche ed etico-morali, Aurelio Rizzacasa è considerato una vera e propria istituzione nazionale  del territorio della Tuscia.

L’evento si svolgerà, con inizio alle 17 (Viale Trento, ingresso 18/e), all’interno della sala di proiezione Roberto Rossellini.