Piano del Commercio, Andrea Micci (Lega): “Per il rilancio del centro storico regole, ma anche incentivi per attività e residenti”

NewTuscia – VITERBO – Doverosa e necessaria la regolamentazione disposta dal Piano del Commercio all’esame del consiglio comunale in questi giorni. Uno strumento verso il quale mi sento di esprimere e, quindi, confermare la mia posizione assolutamente favorevole. Senza regole, certe e definite, è, infatti, impossibile immaginare ulteriori e successive azioni finalizzate a un rilancio reale del centro storico.

E, proprio su questo, mi preme ricordare che non basterà, a tal fine, aver stabilito delle regole a tutela del buon commercio. La città dentro le mura è un sistema di dimensioni differenti che si intersecano tra loro. Pertanto, accanto agli incentivi al commercio, ritengo sarà altrettanto fondamentale prevedere delle misure di “incoraggiamento” per chi deciderà di tornare a vivere nel centro storico.

È innegabile che lo spopolamento di questa porzione di città, così pregiata e importante dal punto di vista storico, sia alla base di tutte le sue sventure: il degrado, la desertificazione, la chiusura delle attività commerciali. Più volte, e da più parti, la fuga dei residenti è stata vista, in modo unanime, come la causa principale della decadenza della Viterbo antica. Ora, però, è necessario passare dalle “parole ai fatti” e iniziare a pensare seriamente, e in modo concreto, come invertire tale tendenza: prevedere accanto agli incentivi destinati a tutte quelle attività che decideranno di aprire o trasferirsi all’interno della cinta muraria, anche misure per rendere più attrattivo abitare in centro. E in proposito credo sarà utile capire anche quali sono le conclusioni dell’assessorato competente, potendo contare su un apposito ufficio che segue da vicino il centro storico ed è quindi in grado di tracciare un quadro aderente alle realtà, per quanto riguarda problematiche, bisogni, soluzioni. È essenziale comprendere, a mio avviso, che il ritorno dei residenti è un obiettivo di primario interesse. Solo così riusciremo, tra l’altro, ad arginare pure quella tendenza, ormai in atto da anni, a privilegiare i grandi centri commerciali, sorti negli ultimi tempi fuori le mura, a discapito delle attività del centro storico, che troveranno in un ritorno dei residenti un’opportunità di sicuro rilancio. La dimensione incentivante, in conclusione, permetterà anche di smorzare una funzione altrimenti meramente limitativa del Piano del Commercio.

Consigliere comunale di Viterbo
Andrea Micci (Lega)

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21