Viterbese KO anche a Vibo Valentia: gialloblu ultimi. Decide Taurino

di VALENTINO CESARINI

VITERBO – Perde ancora la Viterbese che inanella il quinto KO in sei giornate e sembra non uscire più dalla crisi. Peggior avvio di campionato per i gialloblu dagli anni 90’, che su diciotto punti ne ha ottenuto soltanto uno.

La squadra di Sottili scivola all’ultimo posto, superata anche dal Matera e nelle prossime due gare casalinghe, prima del riposo è costretta a reagire, altrimenti la situazione sprofonderebbe ancora di più. Al Luigi Razza di Vibo Valentia decide una rete di Taurino al minuto 65’, che sblocca un match avaro di emozioni.

Sottili rispetto alla gara di Castellammare perde, per problemi fisici, sia Damiani che Saraniti, cambiando modulo e passando al 4-3-3. La linea difensiva è quella rodata e affiatata formata da De Vito e De Giorgi sulle corsie laterali con la coppia Sini-Rinaldi centrale. Il regista lo fa Palermo, con Cenciarelli e Baldassin al fianco. In attacco il riferimento offensivo è Polidori, con Vandeputte e Pacilli sugli esterni. La Vibonese di mister Nevio Orlandi risponde con il solito 4-3-2-1: in attacco gioca Bubas con Melillo e Taurino a supporto.

Di emozioni vere e proprie nella prima frazione nemmeno l’ombra, anzi si assiste a una gara a ritmi blandi e con tanti errori sia da una parte che dall’altra. Leggermente meglio la Viterbese che prova a farsi vedere dalle parti di Mengoni prima con un colpo di testa di Rinaldi (12’) e poi con una conclusione di Cenciarelli (39’) che però non inquadrano lo specchio della porta. Forte, estremo difensore gialloblu, non si sporca nemmeno i guanti, nonostante i primi quarantacinque minuti si chiudono con i locali che hanno avuto un possesso palla (sterile) al 58%.

Prova ad alzare il ritmo la Vibonese nella ripresa, anche se il tiro di Prezioso (50’) è facile preda di Francesco Forte. Passano i minuti e di azioni degne di cronaca nemmeno l’ombra. Si arriva al minuto 65’ quando improvvisamente il match ha un sussulto e la Vibonese sblocca il match. Cross dalla destra di Prezioso, Taurino appostato nei pressi dell’area piccola anticipa Rinaldi, e con un colpo di testa beffa Forte. Sottili inserisce Roberti per un impalpabile Vandeputte. Ed è proprio l’ex attaccante dell’Ostia che di testa mette i brividi a Mengoni al minuto 77’, con la palla deviata in angolo da un difensore locale. Il mister della Viterbese si gioca le carte Bovo e Molinaro per Palermo e Polidori, ma l’occasione più ghiotta capita al minuto 85’ sui piedi di Pacilli che da ottima posizione calcia incredibilmente addosso a Mengoni, sprecando la palla del pari.

La serie negativa per la Viterbese sembra non finire mai.