Anguillara, incontro divulgativo: Mediazione obbligatoria, come funziona? A cosa serve?

NewTuscia – ANGUILLARA SABAZIA – Mediazione obbligatoria, come funziona? A cosa serve?. È il titolo dell’incontro divulgativo che si terrà venerdì  9 novembre alle ore 18 ad Anguillara, nella sede del Centro Anziani di Ponton dell’Elce, via degli Ontani 29.

Organizzato dall’associazione “DIRITTI CITTADINANZA DEL LAGO” e dall’ “ASSOCIAZIONE UMANITARIA TREVIGNANESE” , l’incontro sarà presentato dalla giornalista Simonetta D’Onofrio ed interverranno i mediatori dott. Riccardo Pelliccioni e il dott. Leonardo Fuina.

La  mediazione (anche conosciuta come conciliazione) è un metodo di gestione del conflitto in cui le parti ricorrono a una terza parte non implicata nel contenzioso: il Mediatore. La materia è disciplinata dal Decreto legislativo 28/2010 nel quale sono indicate le materie che obbligatoriamente devono essere sottoposte al preventivo tentativo di Mediazione; nello specifico le materie sono molteplici: dalle problematiche che si possono nel condominio,  diritti reali, divisione e successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria,  diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari,

Il Mediatore si adopera per creare le condizioni necessarie a ripristinare o riattivare la comunicazione e la negoziazione e, quindi, facilitare la ricerca di un esito accettabile per le parti (accordo). La mediazione quindi è un sistema di risoluzione delle controversie attraverso il quale due o più soggetti in lite cercano di raggiungere un accordo che ponga fine alla controversia, con l’aiuto di un terzo imparziale esperto in tecniche di comunicazione e negoziazione: il Conciliatore.

Temi importanti nella vita quotidiana dei cittadini, i quali spesso non sono più in grado di negoziare tra loro per risolvere la controversia e, quindi, occorre un professionista che sappia riattivare e mantenere vivo il processo negoziale per risolvere la lite. Nella fase iniziale della procedura, così come anche nella fase di preparazione all’incontro, il mediatore cerca di comprendere i motivi del fallimento di un eventuale precedente negoziato tra le parti, al fine di far prevalere gli interessi sulle posizioni.