NewTuscia – CAPODIMONTE – “Miti, leggende e storie del lago di Bolsena”. Domani, 1° settembre. Nell’ambito della manifestazione “Capodimonte e Marta, insieme nella storia”. La due giorni, 1° e 2 settembre, che per la prima volta vede unite le città di Capodimonte e Marta all’insegna della valorizzazione del lago. Il tutto organizzato dalle reti di impresa Visit Marta e Naturalmente Capodimonte assieme alle rispettive amministrazioni comunali e alle realtà associative del territorio. Oltre 150 commercianti per promuovere il territorio, unendolo attraverso un’unica manifestazione che vedrà ripercorrere a Marta la storia del medioevo e a Capodimonte quella rinascimentale.

“L’obiettivo – hanno detto la vice presidente di Capodimonte, Francesca Ferri, e la presidente di Marta, Susanna Cherchi – è quello di creare un unico sistema turistico del lago di Bolsena, unendo tutti i paesi. Mettendo a disposizione tutte le risorse sulla base della qualità. La manifestazione che abbiamo organizzato in questi due giorni vuole rendere il territorio e la sua storia protagonisti del rilancio turistico del più grande lago vulcanico d’Europa. Protagonisti assieme al mondo del commercio, ai Comuni e alle realtà associative che lo caratterizzano”.

Partenza domani, 1° settembre, da Capodimonte. Prenotazioni direttamente sul posto. Alle 9.30 di mattina e alle tre e mezza del pomeriggio. Un’uscita in battello con lo scrittore Claudio Lattanzi, narratore dei misteri che racconterà miti e leggende del lago di Bolsena.

Chi era davvero Amalasunta, la regina dei Goti che terminò i suoi giorni relegata nell’isola Martana e il cui fantasma aleggia sul lago? Quali arcaici significati religiosi si celano dietro la figura di santa Cristina e il suo terribile martirio? Quanti segnali misteriosi hanno lasciato gli Etruschi nel loro centenario cammino in questa terra da essi considerata speciale? E poi le quattro ciclopiche costruzioni preistoriche sommerse dalle acque, gli avvistamenti di oggetti volanti e la leggenda di Agarthi del mondo sotterraneo, il pozzo scavato nell’isola Bizentina, di cui nessuno ha mai saputo spiegare la genesi e ancora, stregoneria e racconti diabolici, lo spaventoso mostro Volta con le sue fauci terrificanti e le terribili lingue di fuoco e, infine, la scomparsa della città di Bisenzio. Nel rispondere a queste e a tante altre domande, l’autore ci conduce alla scoperta di storie, personaggi ed episodi affascinanti che hanno avuto origine nel lago di Bolsena e di cui i racconti mitizzati, le leggende e i misteri rappresentano spesso l’unica forma di conoscenza di cui è rimasta traccia nel fluire dei secoli.

Tanti altri appuntamenti culturali anche nel pomeriggio e in serata. A Marta, dalla mattina – nella zona del lungo lago e del centro storico – allestimento di campi e mercati medievali con dimostrazioni di combattimenti. Sarà presente anche uno spazio giochi medievali.

Alle 16, sempre a Marta, apertura del mercato medievale e visita guidata gratuita al centro storico e alla torre dell’orologio. Alle 17.30 sarà la volta di falconieri e armigeri in largo Bracaletti, mentre prima alle 18.30 (in zona accampamenti medievali) e poi alle 19.30 in piazzetta dell’Olmo toccherà allo spettacolo itinerante di commedia dell’arte “De’ giullari e de’ cantori”, a cura dell’Ass. Opera di Roma. Alle 20 (borgo dei pescatori), cena medievale con spettacolo musicale “Muse del Diavolo” e spettacolo fuochi di strada. Seguirà il corteo storico della A.C. Paolo III Farnese di Canino con balli rinascimentali.

A Capodimonte, allestimento mercato rinascimentale fin dalla mattina. Alle 18.30 visita gratuita al borgo, alle ore 20 cena rinascimentale in piazza, con evento “In Piazza all’Improvviso”, una serata con i poeti in ottava rima a cura di Pietro Benedetti.

Reti di imprese

Visit Marta

Naturalmente Capodimonte