Vittorio Sgarbi: “A marzo potrei ripresentarmi come candidato sindaco di Sutri con una mia lista”

Gaetano Alaimo

NewTuscia – SUTRI – “I cittadini  di Sutri non meritano che questa rivoluzione culturale si fermi, potrei ricandidarmi a Sutri con una mia lista”.
A parlare è Vittorio Sgarbi, sindaco di Sutri, che nei giorni scorsi ha annunciato le sue dimissioni per il 21 settembre per un forte dissidio all’interno della sua stessa maggioranza. Il primo cittadino ha criticato la presunta aggressione verbale ricevuta in una riunione di Giunta (costata una denuncia formale esperita dalla stesso Sgarbi) e la presa di posizione di quasi tutta la sua squadra di governo, eccezion fatta per Claudia Mercuri, sul presunto appoggio di altri singoli personaggi locali, fuori dalla maggioranza eletta, in favore del primo cittadino.

“Se io mi dimetto – continua Vittorio Sgarbi – lo faccio di mia volontà, senza che venga sfiduciato. Non escludo di aspettare i tempi di legge e ripresentarmi con una mia lista per la nuova campagna elettorale, da marzo prossimo. Stavo lavorando per eventi culturali di portata internazionale e commemotativi (tra questi l’apertura del nuovo museo di Palazzo Doebbing e l’intitolazione di una piazza a Marchionne, ndr): a queste cose nuove Casini e gli altri suoi fedeli si sono chiusi a riccio”.

Lo strappo a colpi di denunce tra Vittorio Sgarbi e Felice Casini con gli altri firmatari del documento che risponde al sindaco (ad eccezione di Claudia Mercuri) sicuramente avrà un seguito nei prossimi giorni. Staremo a vedere.

 

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21