Turismo, agosto top: previste 86 milioni di presenze, in aumento rispetto al 2017 Indagine Assoturismo cst

NewTuscia – VITERBO – Un mese da ricordare. Dopo un luglio un po’ sotto le aspettative, agosto dovrebbe portare una performance top per il nostro turismo: sono infatti previste nel mese quasi 86 milioni di presenze turistiche, oltre 1,6 milioni in più di quelle registrate durante l’estate dei record del 2017. Un risultato ottenuto soprattutto grazie alla domanda estera: le presenze di visitatori stranieri si dovrebbero attestare sui 50,6 milioni, con una crescita del 2,4% – pari a 1,2 milioni di presenze in più – sullo scorso anno. Crescita più lenta, invece, per i flussi di turisti italiani: si stimano per agosto 35,3 milioni di presenze, l’1,2% – o 400mila – in più sul 2017. È quanto emerge dalla consueta indagine previsionale condotta da Cst per Confesercenti su un campione di 2297 strutture ricettive italiane.

La tendenza positiva –  dichiara Vincenzo Peparello Presidente Confesercenti Viterbo e responsabile area Turismo Viterbo– è un’indagine che rispecchia anche l’andamento nella Regione Lazio e nelle Province anche se va distinto l’andamento sulla costa, dove le presenze maggiormente sono rappresentate da Italiani e nelle città d’arte e nelle zone lacuali dove si assiste ad un a presenza maggiormente rappresentata da stranieri – continua Peparello – affermando che la presenza degli stranieri a livello nazionale va considerata soprattutto rispetto alla domanda e risulta quindi a macchia di leopardo. La preferenza dei turisti per le mete balneari emerge anche dalla classifica delle regioni più prenotate, che nelle prime posizioni ospita quelle tradizionalmente più legate al turismo da mare: Toscana, Puglia, Sicilia, Sardegna ed Emilia Romagna. Comunque la crescita è prevista in tutte le aree del Paese e per quanto riguarda l’uso delle strutture ricettive ad agosto, le imprese fanno affidamento anche ai last minute.

Dobbiamo approfittare, finché è possibile, del trend ancora favorevole per sostenere adeguatamente un settore che può dare un significativo aiuto alla ripresa economica del Paese. Ed è per questo che continuiamo senza stancarci a richiamare l’attenzione della politica verso il turismo: bene il ritorno dei voucher, aiuterà a gestire i picchi inattesi. Ma bisogna abbassare la pressione fiscale sul comparto e sostenere gli investimenti per rendere il settore più competitivo”.

Previsioni per l’estate 2018. La buona performance stimata per agosto conferma le aspettative di un trimestre estivo in crescita. Secondo le stime Cst per Assoturismo tra giugno e settembre sono previste 218,9 milioni di presenze turistiche. “L’indagine previsionale di agosto – afferma il presidente di Assoturismo Vittorio Messina– conferma l’appeal dell’Italia nei confronti del popolo dei vacanzieri, soprattutto all’estero, anche se si inizia a sentire la ripresa dei paesi nostri competitor.