Istat: Confesercenti, confermata frenata della crescita, piccolo commercio in panne

NewTuscia – VITERBO – Crescita in frenata e piccolo commercio in panne. Dall’Istat arriva la conferma della riduzione del nostro tasso di sviluppo, con il Pil in rallentamento di quasi 4 punti decimali rispetto ad una previsione di già bassa (all’1,5%). A certificare il momento difficile anche le stime delle vendite al dettaglio, che a giugno diminuiscono ancora. Ad essere colpite soprattutto le piccole imprese del commercio che nei primi sei mesi dell’anno hanno perso l’1,5% del fatturato.

Così Confesercenti commenta i dati Istat su Pil e commercio al dettaglio diffusi oggi.

A pesare anche gli eccessi di liberalizzazione e l’assenza di regole del web, che hanno spostato verso grande distribuzione e commercio online parte dei fatturati. Lo squilibrio tra le forme distributive è un problema che l’esecutivo deve affrontare prima che la rete di vendita di vicinato venga completamente marginalizzata. Ma, in generale, è la spesa delle famiglie che non lancia segnali positivi, con consumi stagnanti dovuti ad un potere d’acquisto debole. Per questo serve una terapia d’urto che dia un forte segnale di discontinuità ed aiuti famiglie e Pmi ad uscire da un orizzonte di precarietà. Il Paese non può più attendere: con la prossima legge di bilancio cittadini ed imprese attendono non solo il blocco degli aumenti IVA imposti dalle clausole di salvaguardia, che renderebbero ancora più grave la situazione, ma anche e soprattutto la rivoluzione fiscale annunciata: una svolta necessaria per fa ripartire tutta l’economia.

Già nel passato – afferma Vincenzo Peparello Presidente Di Confesercenti Viterbo e membro della presidenza nazionale – commentando i dati resi noti dall’istat ma anche dal nostro osservatorio, si ribadiva la necessità di interventi certi ,immediati e robusti a favore delle PMI alle prese con una crisi strutturale senza precedenti che subiscono tra l’altro una concorrenza sleale dovuta a un dilagante abusivismo e una concorrenza sleale da forme di commercio non regolamentate.

Come già annunciato dagli stessi esponenti intervenuti alla nostra assemblea di Confesercenti e agli incontri nei tavoli ministeriali, accolti da parte nostra favorevolmente e con giudizi positivi, ci aspettiamo da questo governo che con la prossima legge di bilancio si proceda da una parte al blocco degli aumenti e dall’altra la cosiddetta rivoluzione fiscale.

Tutto questo dovrà avvenire in tempi rapidi ed entro il 2018 pena l’aggravarsi della situazione economica del territorio nazionale e delle imprese.