Cerveteri. La maggioranza sterile di Pascucci tocca il fondo

NewTuscia – CERVETERI – Una mattinata di passione e scontri, quella del Consiglio Comunale del 21 giugno al Granarone cominciata male e finita peggio difatti, la silente Maggioranza Pascucci, probabilmente ubbidendo a precisi ordini di scuderia, ha richiesto prima di modificare l’ordine del giorno indicato da loro stessi spostando strategicamente, all’ultimo punto, “Mozioni e Interrogazioni” e anticipando i punti di loro vivo interesse, cercando di giustificarsi con motivazioni tanto flebili quanto puerili ma infischiandosene del rispetto dell’opposizione e di quanti tra i cittadini vorrebbero sapere alcune verità e attendono delle risposte circonstanziate oramai da tempo.

Successivamente, per cronaca, vi sono poi stati dei sonori “schiaffoni politici” rifilati dai consiglieri De Angelis e Orsomando oltre che da buona parte del centro destra,(eccetto le “solite stampelle” e voci fuori dal coro, collaudati alzatori di mano, che hanno offerto l’altra guancia) con detti schiaffoni si è ribattuto colpo su colpo, argomentando ed evidenziando presunte irregolarità oltre che tutte le problematiche, le mancanze e le non risposte di questa amministrazione documentando puntualmente ogni affermazione e, alcune volte, invitando costruttivamente la silente Maggioranza di gomma a risvegliarsi dal sonno, a mostrarsi propositiva e ad esprimere una propria opinione diciamo “indipendente”. Il Nulla del Nulla, un vero e proprio muro di gomma come a completare l’ennesima farsa, specchio fedele di una Amministrazione che ormai da anni (non) governa supportata, lo ripetiamo, dalle solite “stampelle” e che, ancora una volta, ha dimostrato la sua ben nota impotenza, inaffidabilità e mancanza di senso civico. Soltanto una voce si è alzata dalla truppa di maggioranza, quella di una consigliera che probabilmente in buona fede e sentendosi forse colpita più del dovuto, ha tenuto a rimarcare ,parlando a nome della maggioranza, che se anche il Sindaco ha detto di abbandonare l’aula e far mancare il numero legale, noi restiamo … Peccato per Lei, però, che da lì a qualche ora è arrivata puntuale la smentita a quanto affermato grazie all’assurdo comportamento tenuto da quella stessa maggioranza e di altri soggetti difatti, complice la pausa del pranzo, nonostante la presenza fisica fuori dal Palazzo Comunale del Granarone dei consiglieri comunali di maggioranza, c’è stato chi ha scelto ( quasi tutti), di non prendere parte alla massima assise cittadina facendo mancare il numero legale e facendo sistematicamente saltare il Consiglio Comunale e quindi, di conseguenza, facendo forse volutamente saltare la spinosa discussione dell’ultimo punto delle “ Mozioni e Interrogazioni” che, secondo Noi è stato molto probabilmente, il “cuore” del problema dal quale è nata un’indegna pagina politica scritta dalla Maggioranza Pascucci.

Meglio una ritirata strategica che una clamorosa sconfitta, soprattutto con il rischio di perire in battaglia per ‘franchi tiratori’ o chi altro : la politica, piaccia o no, è anche questo. Ora ,chiariamo a chi legge, per trasparenza e onestà intellettuale che uscire dall’aula consigliare e incontrare consiglieri di maggioranza che cadono dalle nuvole facendo riferimento ad altri orari di riapertura consiglio o, addirittura, trovarne un gruppetto ancora fuori il Granarone (sede del Consiglio) a seduta appena sciolta non è che sia stato per Noi uno spettacolo proprio “edificante e appagante” di certo è stato un atteggiamento irresponsabile e irrispettoso innanzitutto nei confronti dei cittadini e, seppure per il Sindaco è argomento “indigesto”, gli ricordiamo che garantire e mantenere il numero legale è preciso compito della sua maggioranza a maggior ragione quando è lo stesso Sindaco Pascucci e la sua Maggioranza ,tramite l’ufficio di Presidenza, a convocare il Consiglio Comunale stabilendo anche l’ordine del giorno.

Il Sindaco, la sua Maggioranza con “stampelle” annesse dovrebbero veramente chiedere scusa a tutti i cittadini. Come è utile ricordare che è dovere del Sindaco e dei suoi Assessori rispondere alle nostre interrogazioni, seppur scomode, entro 30gg.dalla loro presentazione e non protrarle nel tempo a data da definirsi perché ciò potrebbe rappresentare un reato di rifiuto di atti d’ufficio. E’ bene che si sappia , alla ripresa del Consiglio Comunale del 21 giugno i sottoscritti consiglieri De Angelis e Orsomando insieme a quasi tutta l’opposizione di centro destra (Belardinelli, Piergentili, etc.) erano in aula pronti a discutere le importanti mozioni e dare battaglia su “fastidiose” interrogazioni, dalla stessa “coppia di fatto” De Angelis/Orsomando presentate; interrogazioni che riguardano gravi fatti accaduti durante la tornata elettorale 2017, presunte affermazioni sulla ditta che gestisce il servizio rifiuti, presunta incompatibilità di un assessore, la situazione della gestione del Campo Galli e Asd Cerveteri, etc. e di certo non ci facciamo prendere per il naso e, dinanzi a quanto accaduto, avanziamo ipotesi sul parvente comportamento strumentale della maggioranza : “Incapacità di amministrare? Frattura in maggioranza? Paura del confronto democratico sulle problematiche della Città? Timore di essere chiamati alle proprie responsabilità? O il Capo ha così disposto?. Lo sappiamo non riceveremo risposte alla pari delle nostre interrogazioni, questa è una Amministrazione, “sorda” che non vuole ancora prendere atto che ormai da anni non fa altro che non amministrare e che ha dato dimostrazione, ancora una volta, della sua incapacità a gestire il bene comune… altro che Italia in comune…!

Aldo De Angelis

Consigliere Comune di Cerveteri

Salvatore Orsomando

Consigliere Comune di Cerveteri