NewTuscia – RONCIGLIONE – Il Coordinamento nazionale Bonifica Armi Chimiche esprime piena solidarietà al suo Dirigente e coordinatore del “Liberatorio politico” di Molfetta, Matteo D’Ingeo, per gli ignobili atti a cui è stato ancora una volta sottoposto.

Dopo le innumerevoli minacce, ignoti hanno fatto esplodere una bomba, sventrando la porta blindata della sua abitazione. E’ la seconda volta in pochissimo tempo che a Matteo vengono fatte intimidazioni con lo scoppio di bombe.

Riteniamo, conoscendo Matteo, che queste intimidazioni non otterranno lo scopo prefissato. Sappiamo che Matteo continuerà a lottare nonostante tutto, anche a costo della sua morte.

Avanti Matteo, siamo con te. Sei la nostra guida e un esempio per tutti gli uomini.

Lo stato tuteli chi si batte per la trasparenza e la legalità.

Raimondo Chiricozzi
Presidente CNBAC

.