ESCLUSIVA NEWTUSCIA TV. Parla il Gen. Antonio Cornacchia: arrestò Vallanzasca e fu il primo in via Caetani a rinvenire il corpo di Moro

Gaetano Alaimo

NewTuscia – BAGNOREGIO – Un lungo tratto di storia patria italiana rivissuta con la testimonianza di uno dei suoi massimi protagonisti: il generale in pensione Antonio Cornacchia, conosciuto per essere stato il primo a stare sul luogo, in via Caetani, dove giaceva il corpo senza vita di Aldo Moro,ma anche per avere arrestato Renato Vallanzasca e avere lottato, molte volte rischiando la propria vita, le Brigate Rosse negli Anni di Piombo. Quindi la sua esperienza nei Servizi Segreti e nella Commissione d’inchiesta sull’omicidio Moro.

Il tutto è stato riassunto nei suoi due libri (è in produzione il terzo) dal titolo “Airone 1”, il primo con sottotitolo “Scena da un’epoca”, il secondo “Retroscena”.

In questi volumi tutto lo spaccato della società italiana nei suoi anni più difficili, rivisti nella carriera di un uomo, l’ex Colonnello dei Carabinieri Cornacchia, che ripercorre fatti vissuti direttamente da protagonista, laddove il confine tra istitituzioni e criminalità organizzata era spesso sottile.

Un’intervista fiume, quella concessaci in esclusiva dal Gen. Antonio Cornacchia, che rappresenta un documento importante anche per tanti giovani che non hanno vissuto quegli anni e che, mediante la testimonianza di un protagonista, possono conoscere con spirito critico l’evoluzione della società italiana fino a quella attuale.