Orte, giovedi 31 maggio Inaugurazione del Giardino di Bertrada

di Stefano Stefanini

NewTuscia – ORTE – Si svolgerà giovedi 31 maggio alle ore 18 l’inaugurazione del giardino pubblico “Il Giardino di Bertrada” a cui il sindaco e  l’assessore all’Ambiente e al Decoro Urbano, Ida Mariastella Fuselli invitano  tutta la cittadinanza, cerimonia che si articolerà in una serie di  iniziative organizzate dal Comune, dal Comitato di Quartiere, da Tizio bar e dalla Pro Loco.

I nuovi giardini sono stati ricavati in una porzione della più ampia area che occupa il retro dello Stadio, confinante con la Piscina  comunale e che il 28 ottobre 2016 era stata intitolata Piazza Tito Bernardini, in memoria del ferroviere e partigiano ortano, martire delle Ardeatine.

Lo spazio verde è attrezzato con illuminazione, panchine ed alcuni giochi per bambini e viene destinato a servizio degli abitanti del quartiere degli Impianti sportivi, che ospita peraltro anche il polo scolastico “Isola d’Oro”.

Il giardino viene intitolato alla figura leggendaria della giovane Bertrada.

Quella della giovane Bertrada è una delle più struggenti leggende popolari legate alle superstizioni del popolo nel più buio Medio evo, in occasione di gravi malattie contagiose come la peste, una strega, abusando della credulità e dell’esasperazione  del popolo impone che si sacrifichi una fanciulla illibata per placare la pestilenza. Nei tafferugli legati al rapimento della giovane Bertrada dalla sua casa per il sacrificio pagano, il vescovo di Orte Damaso, cieco e malato, accorso per difendere la fanciulla e  dissuadere la folla dalla follìa della superstizione,  viene ucciso dalla folla  e la bella Bertrada viene messa in salvo da un giovane cavaliere. La triste leggenda si conclude con due diversi finali, il primo in cui si perdono le tracce dei due giovani ed il secondo, più tragico, si conclude con la morte per spavento della giovane.

I nuovi giardini sono stati ricavati in una porzione della più ampia area che il 28 ottobre 2016 era stata intitolata Piazza Tito Bernardini, in memoria del ferroviere e partigiano ortano, martire delle Ardeatine.

Da più parti era  l’emersa l’esigenza di intitolare una Via o una Piazza della Città di Orte alla figura sino ad  allora dimenticata del ferroviere Tito BERNARDINI nato ad Orte il 24 aprile 1898, barbaramente torturato in Via Tasso a Roma  e poi fucilato alle Fosse Ardeatine il 24 marzo 1944. L’istanza  di intitolazione era stata depositata da tempo al comune di Orte e  a seguito dell’iniziativa della locale sezione dell’Associazione dei Partigiani d’Italia, il comune di Orte, ha concretizzato l’intitolazione  della Piazza nei pressi dello Stadio comunale al martire delle Ardeatine.