A Cityplex di Terni spettacolo “Condividi” su bullismo, cyberbullismo e uso consapevole internet

loading...

NewTuscia – TERNI – Iniziativa venerdì prossimo in ambito progetto comunitario “Generazioni connesse” coordinato da Provincia e diretto a istituti scolastici città.

Terni è fra le 10 tappe italiane del tour teatrale inserito nel progetto “Safer internet Centre – Generazioni connesse” finalizzato a contrastare il bullismo e il cyberbullismo e che vedrà in scena venerdì prossimo, 13 aprile, al Cityplex, dalle 11 alle 13, lo spettacolo per le scuole “Condividi” della Compagnia teatrale In Movimento. L’evento, coordinato dalla Provincia di Terni, settore scuola e istruzione, ha l’obiettivo di contribuire a sviluppare il progetto e nello stesso tempo di interessare gli studenti ternani su temi molto sentiti dai giovani.

“Condividi” infatti coinvolgerà i ragazzi di tutte le scuole della città in un dibattito al termine dello spettacolo sui rischi e le opportunità della rete insieme agli esperti della polizia postale, alle istituzioni pubbliche e alle direzioni scolastiche.

“Generazioni connesse” nasce nel 2015, è cofinanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma The connecting Europe facility (Cef) – Safer internet per promuovere strategie che rendano internet più sicuro per i giovani con un uso maggiormente positivo e consapevole. Il progetto è coordinato dal ministero per l’istruzione, l’università e la ricerca, in partenariato con polizia di stato, polizia postale e delle comunicazioni, autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, università di Firenze e Roma La Sapienza, Save the children Italia, Telefono azzurro, cooperativa Edi, Movimento difesa del cittadino, Skuola.net e agenzia di stampa Dire.

Lo scopo è dare continuità alle esperienze sviluppate negli anni, migliorando e rafforzando il ruolo di Safer internet centre italiano come punto di riferimento a livello nazionale sulle tematiche della sicurezza in rete e del rapporto giovani-new media, con il coinvolgimento di famiglie e insegnanti.