Giornata della donna, Cloris Brosca al Teatro Boni di Acquapendente

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – In seguito all’annullamento dello spettacolo “Che cosa hai fatto quando eravamo al buio?” con Miriam Mesturino originariamente in programma per domenica 4 marzo, la stagione del Teatro Boni di Acquapendente, diretta da Sandro Nardi, prosegue giovedì 8 marzo con un evento in occasione della Giornata internazionale della donna.

A partire alle ore 20, infatti, è in programma uno spettacolo con cena. Il titolo è “Elena e Lila. Omaggio a Elena Ferrante” e vedrà sul palco Cloris Brosca, Carmen Landolfi e Filippo D’Alessio. Brosca porta in scena frammenti tratti da “L’amica geniale”, libro profondo e coinvolgente scritto dalla misteriosa Elena Ferrante, pseudonimo di una scrittrice e/o scrittore mai comparsa/o in pubblico. È la storia di due donne, del loro complesso rapporto d’amicizia dall’infanzia, attraverso l’adolescenza, l’età adulta, fino alle soglie della vecchiaia.  Sullo sfondo,le vicende di una città controversa come Napoli, che incrociano e rispecchiano quelle dell’intero paese, dagli anni ’50 fino ad oggi. Una narrazione che in scena si avvale di un ulteriore piano, quello della rappresentazione, per raccontare in maniera speculare il confronto tra Elena e Lila, i buoni e i cattivi sentimenti che le animano, i mutamenti che sconvolgono le loro esistenze e nutrono il loro intensissimo rapporto.

Cloris Brosca è nata a Napoli nel 1957. Prima di raggiungere la notorietà, lavora per molti anni in teatro, cinema e televisione con Tino Buazzelli, Gigi Proietti, Eduardo De Filippo, Massimo Troisi, Giuseppe Tornatore, Marcello Mastroianni. Viene scoperta dal grande pubblico nel 1994, quando partecipa al programma televisivo “Luna Park” nel ruolo della Zingara. Successivamente, dopo il successo ottenuto in questo ruolo, il gioco finale con lei protagonista, oltre a diventare il più amato, diventa un programma spin-off che dura quasi 8 anni, condotto prima da Giorgio Comaschi, poi da Stefano Sarcinelli. Anche a “Colorado – Due contro tutti” (dove si chiamava Regina della piramide) e a “In bocca al lupo!”, nell’edizione 1998-1999, interpreta la Zingara.

Biglietti: spettacolo € 12 – spettacolo con cena € 28.

La direzione del Teatro Boni, infine, comunica altre due variazioni di data. Lo spettacolo “Marocchinate” con Ariele Vincenti è stato anticipato a domenica 11 marzo, mentre “Nuda e cruda” con Anna Mazzamauro è stato posticipato a domenica 18 marzo. Sono state quindi invertite le date rispetto al programma originario della stagione. Entrambi gli spettacoli inizieranno alle ore 17.30.

Per informazioni: www.teatroboni.it – 334.1615504 – 0763.733174

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21