Durante l’incontro si parlerà delle possibilità terapeutiche per la Lhon

medico_stetoscopio.630x360NewTuscia – VITERBO – Venerdì 16, alle ore 18,30, presso la sala convegni dell’Ordine dei medici di Viterbo, si svolgerà l’incontro scientifico Neuroftalmologia, possibilità terapeutiche per la Lhon.

L’incontro è organizzato dall’unità operativa di Oftalmologia e rete territoriale della Asl di Viterbo, diretta da Enrico Zonghi.

“La Lhon o Neuropatia ottica di Leber – spiega Zonghi – è una patologia invalidante a carattere ereditario che porta a una rapida e permanente perdita della vista in pazienti giovani adulti. La causa della malattia è un disordine metabolico che viene trasmesso solitamente dalla madre ai figli maschi. Meno spesso sono colpite le donne”.

Viene considerata una patologia rara poiché si riscontrano 1,5 casi su 100mila persone.

“Il meccanismo eziopatogenetico coinvolge le cellule ganglionari del nervo ottico – prosegue Zonghi -, determinando la loro morte con una conseguente atrofia del nervo stesso”.

Al convegno saranno presenti gli specialisti del centro di riferimento regionale dell’ospedale San Camillo di Roma, neurologi e neuroftalmologi e verranno illustrate le innovative terapie approvate dall’Ema, l’agenzia europea del farmaco, nel 2015.