La candidata alla Camera Patrizia Berlenghini sulla campagna elettorale

loading...
NewTuscia – Mai mi sarei aspettata di dover fare una campagna così. In un clima di odio e violenza come questo. Non è affatto normale. Dalle ripetute violenze sulle donne, agli attacchi neofascisti agli immigrati e alle sedi di partiti. Sembra di essere tornati ai momenti più bui degli anni di piombo.
LIBERI-E-UGUALISono molto preoccupata perché è un clima di violenza diffusa che si associa ad una sfiducia generale nelle istituzioni. E le conseguenze fatali di questa sfiducia le troviamo nei discorsi di promuove forme di giustizia sommaria o fai da te, nell’accanimento nei confronti delle figure più deboli. Lo scenario è fosco perché chi è meno forte socialmente diventa il capro espiatorio di un malessere generale, che sia il clandestino o la donna indifesa.
Dobbiamo reagire tutti. Io credo che la politica deve e può giocare un ruolo importante. Ha il dovere di impegnarsi per intervenire. Queste spirali della violenza vanno prevenute, questo genere di rabbia sociale va disinnescata.
Prima di tutto cambiando il linguaggio. Subito dopo i fatti di Macerata abbiamo ascoltato tutti politici nazionali cavalcare e strumentalizzare l’onda emotiva di quel fatto. Spesso invertendo i termini della discussione, in una fase in cui peraltro gli inquirenti dovevano acquisire i primi elementi certi. Davanti a queste situazioni estreme è bene che la politica recuperi il buonsenso e il senso di responsabilità.
Detto questo, dall’altro lato, è importante anche che tutti noi, politici e cittadini, ci poniamo la domanda: dove nasce questo profondo disagio sociale? Perché in alcuni soggetti tutto ciò si traduce in atti di violenza?
La risposta la dobbiamo cercare nel declino sociale dell’Italia. Se guardiamo gli ultimi venti anni abbiamo avuto un forte abbassamento della qualità della vita, le persone hanno visto sparire le garanzie sociali base, gli individui hanno perso fiducia nel welfare e oggi vivono una condizione di solitudine e disperazione. Credo che una forza progressista e di sinistra debba porsi questo genere di questioni e intervenire.
Dobbiamo rinforzare il sociale se vogliamo prevenire qualsiasi violenza futura. Se vogliamo recuperare la solidarietà tra le persone e tutelare i meno forti.
LeU  PATRIZIA BERLENGHINI candidata alla Camera dei Deputati