Gli studenti dell’Istituto superiore ‘Cavour Marconi Pascal’ di Perugia a scuola di bitcoin e altre criptovalute

Lezione tenuta dalla Uilca – Uil dell’Umbria. Grande partecipazione

IMG-20180109-WA0003 (1)-minNewTuscia – PERUGIA – Grande partecipazione ed interesse ha suscitato la lezione sulle criptovalute tenutasi presso l’Aula video dell’Istituto di istruzione superiore ‘Cavour Marconi Pascal’ di Perugia.

L’iniziativa, concordata con la dirigenza della scuola, ha visto la partecipazione degli studenti delle classi 3B1, 3B2 e 3B3 dell’indirizzo servizi commerciali, accompagnati dai rispettivi docenti coordinati dalla professoressa Maria Cristina Boco, ed è stata organizzata in collaborazione con la Uil credito, assicurazioni ed esattorie dell’Umbria, in rappresentanza della quale ha partecipato il segretario generale dell’Umbria Luciano Marini.

La relazione, focalizzata in particolare sull’argomento bitcoin, è stata svolta da un dipendente bancario umbro, Stefano Sarti, appassionato ed esperto di criptovalute.

Il tema trattato ha il pregio di essere di grande attualità, oggetto di approfondimenti e dibattiti su media e social e la lezione è stata quindi un’opportunità per meglio comprendere le ragioni di un’evoluzione straordinaria in termini di crescita di valore – che ha contraddistinto in modo particolare il bitcon fra le varie criptovalute oggi in circolazione – avendo conosciuto negli ultimi anni un trend in apparenza inarrestabile.

Numerosi i quesiti ai quali si è tentato di dare risposta, a partire dalla possibilità di eventuali interessi in gioco che possono celarsi dietro una crescita della diffusione del fenomeno criptovalute, un sistema legale ma sottratto di fatto al controllo delle autorità di vigilanza, ma anche per comprendere le modalità di svolgimento delle transazioni, dal meccanismo peer-to-peer alle blockchain.

Sono stati espressi anche i timori per il rischio che si stia sviluppando una nuova e potenziale bolla speculativa, che al pari di altre simili vicende del passato, possa produrre nei confronti di investitori dell’ultima ora e poco attenti al timing di ingresso, possibili danni di natura patrimoniale.

L’interesse e l’attenzione con i quali gli studenti hanno seguito le due ore di lezione sono stati veramente encomiabili, così come interessanti le domande di approfondimento che sono venute nel corso del dibattito e degli interventi che hanno avuto luogo successivamente alla lezione.

L’iniziativa proposta si inserisce a pieno titolo nei progetti di alternanza scuola-lavoro previsti dai programmi dell’Istituto professionale ‘Cavour Marconi Pascal’ e si coniuga perfettamente con l’impegno nel campo dell’educazione finanziaria che la Uil credito, assicurazioni ed esattorie dell’Umbria sta svolgendo da tempo con il mondo della scuola, degli anziani ed in favore delle comunità straniere presenti nel territorio regionale.