Nella Tuscia 28 coppie omosessuali

Massimiliano di Gianpietro e Maurizio Rumoi. Prima Unione Civile ViterboNewTuscia – VITERBO – Dal 5 luglio del 2016 è possibile, anche per le coppie omosessuali, unirsi davanti alla legge. Non è proprio un matrimonio, come per le coppie formate da un uomo e una donna, perché per due persone dello stesso sesso è stato creato, appositamente, il termine, “specifiche formazioni sociali”.

Le Unioni Civili hanno una regolamentazione simile al matrimonio: c’è la reversibilità della pensione, l’obbligo reciproco all’assistenza morale, materiale e alla coabitazione; entrambe le parti sono tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni, tanti oneri ma nessun un riferimento alle adozioni o ai figli avuti precedentemente all’unione o dopo questa.

Insomma, si è fa finta che queste coppie omosessuali non abbiano figli o non abbiano intenzione di farne. Rimane così un vuoto normativo che presto dovrà essere sanato perché molte coppie omosessuali già crescono bambini e bambine, ragazzi e ragazze.

Per quanto riguarda i dati relativi alle Unioni Civili celebrate nella nostra provincia abbiamo interpellato sia la Prefettura di Viterbo che i vari Comuni. Su 60, solo 20 non hanno risposto alla nostra richiesta di informazioni.

Dall’istituzione della legge sono state celebrate 19 unioni civili, più 9 trascrizioni avvenute in altri comuni o all’estero. In tutto 28 coppie omosessuali vivono sotto lo stesso tetto nella nostra provincia. Un dato non irrisorio visto che la legge, non sfiora nemmeno i due anni di vita.

A Viterbo sono avvenute 7 unioni e 4 trascrizioni, di queste, 7 coppie sono formate da uomini e 4 da donne. L’età media è di 45 anni, partendo da un minino di 24  a un massimo di 65. Solo 2 coppie di uomini hanno deciso di sposarsi pubblicamente nella Sala delle Bandiere del Comune di Viterbo.

Ad Acquapendente c’è stata 1 trascrizione, due uomini; Bassano Romano 1 trascrizione per matrimonio avvenuto in Gran Bretagna e 1 unione civile, due donne, avvenuta in un altro Comune italiano. A Bolsena 2 unioni civili, una coppia di donne e una di uomini, avvenuta nella sala messa a disposizione dal Comune, età media 50 anni.  Civita Castellana ha celebrato 2 unioni, due coppie di uomini.

A Fabbrica di Roma si è celebrata 1 unione civile tra due donne di 29 e 33 anni e 1 trascrizione di un matrimonio tra due uomini cinquantenni. Farnese ha celebrato nella sala Comunale, alla presenza del Sindaco, 1 unione di due uomini di 52 e 60 anni. Ad Oriolo Romano nella sala aperta al pubblico due uomini, nati nel nel 1960 e 1963, sono diventati una famiglia davanti alla legge.

A Tarquinia 2 unioni sempre tra uomini, età media di 53 anni, e 1 una trascrizione. A Tuscania 1 trascrizione, due uomini nati nel 1948 e nel 1950. Chiude il Comune di Vetralla con la celebrazione di 1 coppia di uomini di 45 e 78 anni e 1 coppia di donne, di 31 e 34 anni.

In totale le coppie di donne, che si sono unite civilmente nella provincia di Viterbo, sono 8, con un’età media che si aggira intorno ai 31anni. Le giovani hanno più coraggio delle vegliarde. Le altre 20 coppie sono formate  uomini, più del doppio, con un’età media sopra ai 50 anni.

Emanuela Dei