L’ugl domani a Roma contro le politiche previdenziali del governo Gentiloni

QUATTRO NO FORTI E CHIARI A DIFESA DEI PENSIONATI, DEI GIOVANI E DEI LAVORATORI

Ugl 5 Dicembre (2)NewTuscia – ROMA – NO all’ennesimo stratagemma sulle pensioni, NO all’automatismo rispetto all’aspettativa di vita, NO alla penalizzazione previdenziale di giovani e donne, NO ai burocrati europei che considerano la legge Fornero un tabù intoccabile. Quattro NO forti e chiari da parte dell’Ugl che domani scenderà in piazza per manifestare tutto il dissenso nei confronti delle politiche previdenziali del governo Gentiloni (che continuano a penalizzare lavoratori e pensionati).

In tutto il Lazio sono previste manifestazioni da Roma a Frosinone (volantinaggio nei pressi della stazione), da Viterbo (dalle 9.30 davanti alle Poste Centrali)  a Latina (volantinaggio al mercato dalle 9.30) organizzate dalla UGL Lazio e coordinate dal responsabile Armando Valiani e dal segretario Ugl Roma Daniela Ballico: “Chiediamo  – spiegano i due esponenti del sindacato – di bloccare e successivamente eliminare in maniera definitiva l’innalzamento dei requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia e anzianità in rapporto  all’aspettativa di vita; estendere la flessibilità in uscita e riconoscere il valore universale della maternità e della cura della famiglia e di assistenza soprattutto per le persone con disabilità; chiediamo inoltre di rivedere, stendere e prorogare la platea che ha diritto ad accedere all’APE Social”.

Per l’Ugl è necessario iniziare un serio dialogo per l’abolizione della legge Fornero: ” Si tratta – sottolineano Valiani e Ballico – di una legge fatta per fare cassa e non certo per difendere la pensione e dunque occorre superarla nel più breve tempo possibile. Fondamentale è poi separare la spesa assistenziale da quella previdenziale; sostenere le future pensioni, quelle dei giovani, con carriere discontinue; prevedere la rivalutazione annua delle pensioni rispetto al costo della vita; incentivare l’adesione ai fondi previdenziali integrativi con contributi aziendali o statali, rivedendo l’attuale tassazione. Il nostro invito – concludono i due esponenti Ugl – è rivolto a tutti i cittadini affinché possano scendere in piazza con noi per difendere i propri diritti”. Appuntamento in piazza Montecitorio, domani (martedì 5 dicembre) dalle ore 15:00.