Alla Casa di Vetro la musica per raccontare la forza della fragilità

NewTuscia – VITERBO – Parlare di fragilità. Viverla. Condividerla. Raccontarla. Farlo con il linguaggio universale della musica. È quello che accade alla Casa di Vetro (Spazio Pensilina di Viterbo) nel laboratorio curato da Serena Caporale, insegnante di canto dell’associazione Juppiter e corista di Claudio Baglioni, per il progetto “Crescere alla Pari”.

Oltre 20 i giovani viterbesi coinvolti in questo percorso di crescita umanaufficio_turistico_spazio_pensilina_viterbo e artistica. Un viaggio che affronta i temi della fragilità, attingendo al mondo del cantautorato italiano: da Rino Gaetano a Edoardo Bennato, da Simone Cristicchi a Marco Mengoni. Passando per altri autori che hanno messo in versi e note la forza della fragilità.

Voluta la scelta di canzoni italiane, per rendere più comprensibili i messaggi. Anche il laboratorio di canto sarà parte integrante dello spettacolo finale “Fragile”. I ragazzi saliranno sul palco tra esibizioni solistiche e corali, che faranno da commento alle scenografie.

“Crescere alla Pari” è un progetto della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità presentato dall’IC Vanni di Viterbo, con l’IC Carmine di Viterbo e l’IISS Cardarelli di Tarquinia, insieme con il Comune di Viterbo, il Distretto turistico dell’Etruria Meridionale, l’associazione Juppiter, la Fondazione Exodus, Vip clown di corsia – Viterbo, Mille giovani per la pace e la cooperativa gli Aquiloni.

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21