Capitano Antonino Zangla, Comandante Carabinieri Montefiascone

Capitano Antonino Zangla, Comandante Carabinieri Montefiascone

NewTuscia – MONTEFIASCONE – Lo scorso fine settimana il Comando della Compagnia Carabinieri di Montefiascone, nel quadro delle direttive operative dettate dal Comando Provinciale di Viterbo,  ha dato esecuzione a specifici dettagliati servizi tesi a prevenire la commissione di reati contro il patrimonio e quindi garantire un tranquillo e sereno week end a cittadini e turisti dell’Alto Lazio. Attraverso un pianificato controllo del territorio sono stati identificati persone che destavano sospetto, ispezionati veicoli, contestate varie infrazioni al Codice della Strada e denunciate cinque persone.

In particolare:

  • l’Aliquota Radiomobile dell’Arma di Montefiascone deferiva in stato di libertà un cittadino del centro falisco poiché si trovava alla guida della propria autovettura in stato di alterazione psico-fisica determinato dall’assunzione di alcol;
  • una pattuglia dell’Arma di San Lorenzo Nuovo denunciava due soggetti per minacce ed oltraggio a Pubblico Ufficiale. I militari durante un controllo alla circolazione stradale contestavano un provvedimento amministrativo ed i due destinatari reagivano in modo esaltato contro i Carabinieri operanti con frasi intimidatorie ed offensive.
  • la Stazione Carabinieri di Bagnoregio denunciava una persona, ai sensi dell’art. 73 del P.R. 309/90 (Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente), perché controllato alla guida della propria autovettura, sottoposto a perquisizione, veniva trovato in possesso di un involucro contenente 4,5 grammi di cocaina;
  • la Stazione Carabinieri di Onano denunciava una persona per danneggiamento di un’autovettura parcheggiata sulla pubblica via.

Infine domenica mattina, il Capitano Antonino Zangla e il Comandante del Nucleo Operativo e Radimobile, grazie al prezioso contributo del Nucleo Elicotteri Carabinieri Roma – Urbe, hanno effettuato un volo operativo su una porzione di territorio dell’Alta Tuscia al fine di effettuare alcuni riscontri specifici connessi all’ambiente e più in generale per verificare la corretta conservazione dell’attraente paesaggio lacuale.