Clero1NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – A settembre si riparte con l’Assemblea del Clero diocesano, presbiteri e diaconi, un momento significativo e di grande interesse, per condividere con il vescovo, monsignor Romano Rossi, il cammino pastorale sul percorso fatto e quello da fare, per essere Chiesa capace di rispondere alle ansie, alle attese e ai bisogni spirituali e materiali del nostro tempo e per chiarirsi le idee in vista del prossimo anno pastorale e per assumere decisioni ad essi inerenti.

Il Vescovo, avverte il bisogno di riprendere quanto prima il confronto nello stile di comunione e di corresponsabilità che deve continuare a caratterizzare la vita della diocesi e delle singole parrocchie.

Questo incontro diocesano coincide nel giorno dedicato alla solennità liturgica di Santa Maria «ad Rupes» a Castel Sant’Elia, patrona della diocesi di Civita Castellana, un tempo quanto mai favorevole per mettere nelle mani e nel cuore di Maria i progetti e le attività perché la Chiesa diocesana possa crescere nella comunione e nel servizio alla comunità affidatagli.

Durante l’estate il Vescovo ha inviato una lettera, ai presbiteri e diaconi, per renderli partecipi delle decisioni maturate. Per mettere a fuoco e dare attuazione alle proposte. Il clero è convocato in Assemblea il giorno 12 settembre a Pian Paradiso (Civita Castellana) a partire dalle ore 9.00 per un’assemblea in cui riflettere insieme su appuntamenti e linee progettuali del cammino comune, la consueta assemblea presbiterale per lanciare il programma pastorale dell’anno.

Il vescovo in questa occasione consegnerà il calendario delle attività della Diocesi. Si discuterà sull’opportunità e sulle modalità programmatiche e organizzative. Verranno anche comunicate le scadenze pastorali dell’anno che inizia.

Così si esprime il Vescovo nell’annunciare questo importante appuntamento: «Passeremo insieme in rassegna in modo esplicito e diretto le scadenze e i nodi problematici che il camminare insieme come Chiesa particolare ci aiuterà a risolvere».

In particolare, il perseguimento dei due grandi obiettivi che caratterizzano il progetto pastorale Mosaico di Pietre Vive:

  1. La riscoperta e la riproposta dei doni della Rivelazione cristiana e della Grazia salvifica nelle loro dimensioni essenziali.
  2. Il rafforzamento della coesione interna, della qualità ecclesiale e della testimonianza evangelica delle nostre Comunità parrocchiali intorno a questi elementi.

Ogni iniziativa deve essere preceduta dalla preghiera: «Senza di me non potete far nulla» (Gv 15, 56). Infatti l’incontro comincerà con la preghiera dell’Ora Terza e l’Adorazione Eucaristica.