Stop stagione venatoria nel Lazio: “Assessorato alle Politiche Agricole della Regione Lazio lavora per anticipare la stagione della caccia? Speriamo siano notizie infondate…”  

NewTuscia – A seguito delle numerose calamità che hanno caratterizzato quest’ultimo anno (terremoto, siccità, incendi….) Italia Nostra è convinta che la tutela del nostro patrimonio paesaggistico non possa rimane tale se viene meno la vita e la biodiversità che ne caratterizza i contesti naturali.

Per questo motivo Italia Nostra ha aderito nel corso dell’estate, all’appello al Governo, promosso da ENPA e sottoscritto da numerose associazioni ambientaliste, perché per un anno si sospenda la stagione venatoria e si consenta agli animali quel recupero biologico che è venuto meno.

Italia Nostra Lazio spera che nel rispetto di quei principi di sostenibilità e tutela dell’ambiente, più volte vantati come una delle prerogative principali del programma della Giunta Zingaretti, il Governatore (in primis) e i suoi Assessori non potranno che riconoscersi nei principi di salvaguardia e conservazione della biodiversità già apprezzati e declinati nell’enciclica del Santo Pontefice più di due anni fa.

In qualità di Presidente Lazio di Italia Nostra sollecitiamo la Regione a farsi carico di questa emergenza ambientale così critica per la biodiversità della nostra regione e che la rigidità dell’inverno passato e l’arsura estiva hanno trasformato in una vera emergenza.

Le nostre preoccupazioni sono del resto confermate dal resoconto ISPRA sul tema pervenuto ieri ai nostri uffici stampa.

Non c’è più tempo indugiare. Bisogna lavorare tutti insieme per garantire la vita delle specie animali del Lazio.

 

Ebe Giacometti

Presidente Lazio Italia Nostra