NewTuscia – TARQUINIA – Il 16 settembre alle ore 18:30 sarà presentata, presso la sala grande della biblioteca Vincenzo Cardarelli, la mostra itinerante “Incontriamo il nostro tempo”, che proseguirà sino al 1° ottobre presso la Sala Lawrence di via Umberto I 49 e che vedrà esposte le opere degli artisti Paolo Crucili, Luigi Fondi, Paolo Carlo Monizzi e Riccardo Sanna.

Patrocinata dal Comune di TarquinIncontriamo il Nostro Tempo-Dipingendo a Tarquiniaia (Assessorato alla Cultura), dall’Associazione Artistica Culturale La Lestra e dall’Associazione Soriano Terzo Millennio Onlus, la mostra è un evento itinerante che prosegue da ormai da parecchio tempo e che ha interessato numerose località, tra le quali è doveroso citare almeno Viterbo, Orvieto, Torre Orsina, Soriano Nel Cimino. Aveva peraltro già fatto tappa a Tarquinia nel maggio dello scorso anno, riscuotendo un ottimo successo di pubblico e di critica.

I quattro artisti rappresenteranno con le loro opere il rapporto sensoriale con i luoghi ed il territorio di Tarquinia, esprimendo un atteggiamento puro ed autentico nei confronti dell’universo che viviamo nel quotidiano, ormai sclerotizzato dalla tecnologia, dalla frenesia, dall’individualismo del vivere moderno: il tempo passa, ma i monumenti resistono a tutto, vivono il tempo divenendo immortali, e la mostra è un vero e proprio tributo a questo meraviglioso concetto di arte.

Franca Gigio, responsabile della Coldwell Banker di Tarquinia Lido, sponsor dell’evento, dichiara: “Sono entusiasta del fatto che un grande pittore come Riccardo Sanna ci abbia dato l’opportunità di sponsorizzare questo magnifico evento che cura in collaborazione con gli splendidi Crucili, Fondi e Monizzi. Noi aziende locali possiamo e dobbiamo ricoprire un ruolo importante nella valorizzazione di Tarquinia, sostenendo le proposte di interesse turistico ed artistico. Un luogo come Tarquinia, culla della civiltà etrusca, ricco di storia e di attrattive turistiche, va’ valorizzato partendo proprio dalle iniziative culturali come questa. Attirando gli artisti di ogni natura, patrimonio immateriale del nostro tempo, possiamo aiutare la nostra cittadina a diventare una vera e propria culla della cultura nell’area dell’Alto Lazio, assumendo una rilevanza ancora più importante e contribuendo a creare una splendida vena mecenatista del luogo”.

Riccardo Sanna, viterbese con all’attivo importanti partecipazioni ad esposizioni sia in Italia che all’estero, è maestro e cantore degli antichi valori di bellezza, quiete, armonia, e serenità con i suoi paesaggi arcadici e le sue visioni romantiche e solari.

Paolo Crucili, umbro di origini e impegnato da sempre con Sanna in importanti progetti espositivi, esprime nella sua tecnica informale, situazioni emozionali attraverso segni lievi e tonalità delicate che sembrano “brani pittorici”, soprattutto nella limpidezza e nella placida trasparenza di cieli sereni che si fondono con lo spirito dell’osservatore.

Paolo Carlo Monizzi, collaboratore in importanti progetti d’arte contemporanea in terra umbra, è un veterano nel campo delle arti visive di matrice astratta, e svolge da sempre una fervida attività a stretto contatto con il mondo dello spettacolo, delle arti grafiche, della pubblicistica, firmando importanti scene e manifesti per gruppi teatrali, musicali e di danza.

Luigi Fondi, anche lui viterbese, è scultore che viene da una formazione da artigiano-scalpellino, forgiatosi nelle cave del Cimino e affinatosi negli anni in una produzione artistica che rappresenta con vigore storie della contemporaneità reinterpretate attraverso immagini figurative che, pur essendo concrete e reali, mantengono una forte carica di mistero e di ambiguità.

Quattro artisti poliedrici per un evento unico a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.