Gubbio al centro di un’estate ricca di eventi

NewTuscia – GUBBIO – Una bella foto di Gubbio, un prezioso scatto di Steve McCurry di Piazza Grande, campeggia sulla pagina di apertura della versione on line  in lingua olandese  del  ‘National Geographic Magazine’,  rivista mensile della National Geographic  pubblicata in moltissimi paesi del mondo e tradotta in 31 lingue diverse.  Lo comunica l’assessore Nello Fiorucci che sottolinea l’importanza di avere un testimonial d’eccezione come il fotoreporter statunitense, che proprio dalle pagine del National Geographic,  nel  giugno 1985, vide  accrescere la sua fama, dopo la pubblicazione  in copertina  della fotografia ‘Ragazza afgana’.  « Nel 2014 fu allestita a Gubbio  nella Sala dell’Arengo del Palazzzo dei Consoli    – ricorda l’assessore Fiorucci  – una mostra fotografica proprio di McCurry che in 18 scatti raccontò la Festa di Ceri, esclamando: «Pensavo di vedere tre santi e ho visto tre Ceri. Pensavo di vedere una città e ho visto un popolo. Ma, soprattutto, pensavo di vedere una festa e ho visto la vita».   Nel sito  del National  si parla  dell’Umbria e delle sue eccellenze,  con suggerimenti di visita a luoghi e prelibatezze gastronomiche.

Una città, dunque, in primo piano, anche per gli eventi culturali.

Si entra nel vivo  stasera giovedì 3 agosto alle ore 21,30 in piazza Grande,  con l’atteso concerto di Enrico Ruggeri e i Decibel, il ‘Gubbio DOC Fest’ 2017, rassegna in cui le diverse declinazioni dell’arte si incontrano in un programma originale di promozione delle eccellenze del territorio.  Anche in questa IV edizione il DOC Fest proporrà  concerti serali e una serie di appuntamenti ed eventi dedicati ai saperi e sapori dell’Umbria, negli spazi più affascinanti del centro storico eugubino. E’ una sicura attrattiva la  tappa  umbra di Ruggeri con i suoi Decibel (Silvio Capeccia e Fulvio Muzio),   per l’acclamato tour della reunion a 40 anni dai loro esordio.  I pionieri del punk italiano proporranno i brani dal nuovo album – Noblesse Oblige – e un viaggio tra i pezzi più noti di una carriera fulminante che ha segnato la musica italiana degli ultimi decenni. Oggi pomeriggio, per la sezione DOC/Natura/Cultura, si terrà   – presso la Sala Convegni della Casa di S. Ubaldo  –  il primo dei due appuntamenti convegnistici: alle 17.30, condotta dal vice direttore del Tg5 Giuseppe De Filippi, si terrà la tavola rotonda “Appennino Vivo”, con la partecipazione di Tommaso Bastiani  ‘Associazione Insieme’, Filippo Mario Stirati sindaco di Gubbio, Alberto Giombetti direzione nazionale Cia, Giovanni Filippini direzione Istituto Zooprofilattico Umbria Marche, Bruno Ronchi Università della Tuscia, Oliviero Olivieri presidente Parco dei Monti Sibillini e Marina Sereni vicepresidente della Camera dei Deputati.  Secondo appuntamento con la grande  musica del ‘Gubbio DOC Fest’  domani venerdì 4 agosto  in piazza Grande, con lo spettacolo di Andrea Scanzi e Filippo Graziani “Fuochi sulla collina”, dedicato a Ivan Graziani, e poi l’atteso arrivo in Umbria sabato 5 agosto degli ‘Afterhours’, per il tour del trentennale, in una serata che vedrà sul palco eugubino anche i FASK, nuovi alfieri del rock italiano.  Per il programma DOC Natura, nei giorni del Fest saranno visitabili le mostre fotografiche sul Parco dei Monti Sibillini (nella Sala dell’Arengo del Palazzo dei Consoli) e sul paesaggio della Serra di Burano (nella Taverna dei Capitani), e proseguiranno gli incontri, la mostra-mercato e le attività dedicate a vita, sapori e colori dell’appennino umbro-marchigiano e del territorio eugubino, che ne costituisce una parte essenziale, pensate con l’obbiettivo di arrivare a proporre la candidatura del paesaggio rurale della Serra di Burano a far parte del Registro Nazionale del Paesaggio Rurale Storico.  Proprio domani  alle  ore 17,30  si terrà, infatti,  presso la  Casa di S. Ubaldo,   il  convegno  ‘Il paesaggio rurale delle Serre di Burano: elementi storici e naturalistici, con i seguenti interventi:  ‘L’Abate Giovan Girolamo Carli: osservazioni sul territorio di Gubbio e suoi “contorni’ di  Ettore Sannipoli, ‘Il percorso di S. Ubaldo verso M. Nerone’ di Elisabetta Carlino, ‘Geologia e geomorfologia della Serra di Burano’ di  Corrado Cencetti,  ‘La toponomastica nel buranese: parole, saperi e valori del territorio’ di  Donatella Carnevali; a seguire la  proiezione fotografica sul sentiero della Serra di Burano – Club Alpino Italiano. Il giorno dopo,  sabato 5 agosto alel ore  ore 17,30, si prosegue con ‘Colori e Sapori dell’Appennino’  con  Raniero Regni “Paesaggio educatore” e alle ore  18,30  alla  Taverna dei Capitani di Via Baldassini seguirà una degustazione di Vini e formaggi dell’Appennino,  guidata da Roberto Rubino e Gian Domenico Negro  (posti limitati prenotazione obbligatoria: IAT Gubbio – Via della Repubblica | 075 9220693). Infine domenica 6 agosto, dalle  8,30  alle   13 – Passeggiata sul Condotto Medioevale a cura del  Club alpino Italiano – Sezione di Gubbio e alel ore  19,30 presso gli  Arconi di Via Baldassini  si terrà la  Degustazione di prodotti dell’Appennino  (posti limitati prenotazione obbligatoria: IAT Gubbio – Via della Repubblica | 075 9220693).

Da oggi e fino a domenica 6 agosto ,  orari prolungati  fino alle 21 – tre ore in più rispetto all’orario abituale –  per la mostra   “De Chirico, Sironi, Depero…Le Regole alle Logge”,  allestita  presso le Logge dei Tiratori.   Mentre la città di Gubbio si anima con le straordinarie iniziative di Gubbio Doc Fest, all’insegna della musica, dello spettacolo, della cultura e dell’arte, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e la Fondazione CariPerugia Arte hanno deciso di prolungare gli orari di apertura della mostra, curata dal critico Vittorio Sgarbi,  per tutta la durata del Festival. I visitatori potranno ammirare gli oltre  40 pezzi  provenienti dalla raccolta di Mario Rimolti, collezionista e mecenate del ‘900.  Per il giorno di Ferragosto la mostra sarà visitabile invece dalle 15 alle 18.

Tre giornate di studio  il 30 e 31  agosto e il 1 settembre,  dedicate al regista  Luca Ronconi  –  a cui è intitolato il Teatro Comunale  –  organizzate dal Centro Teatrale Santacristina,   a conclusione delle attività dell’estate  2017. Tre parole-chiave del teatro di Ronconi: regia, parola, utopia,  da declinare insieme a studiosi, registi, drammaturghi, attori per indagare il suo teatro-mondo e  interrogarsi,  riflettendo  sulla scena contemporanea. Interverranno, tra gli altri, Giovanni Agosti, Paola Bacci, Luca Bargagna, Ariella Beddini, Federico Bellini, Alberto Benedetto, Riccardo Bini, Fausto Cabra, Lucia Calamaro, Roberta Carlotto, Davide Carnevali, Francesca Ciocchetti, Maria Consagra, Marco Consolini, Massimo De Francovich, Andrea De Rosa, Paolo Di Paolo, Fabrizio Falco, Angelo Ferro, Giulia Filacanapa, Nadia Fusini, Graziano Graziani, Lucrezia Guidone, Antonio Latella, Sergio Lo Gatto, Claudio Longhi, Fausto Malcovati, Curzio Maltese, Manuela Mandracchia, Franco Marcoaldi, Stefano Massini, Cesare Mazzonis, Italo Moscati, Franca Nuti, Umberto Orsini, Jacopo Pellegrini, Graziano Piazza, Oliviero Ponte di Pino, Massimo Popolizio, Marco Rossi, Fausto Russo Alesi, Emilio Sala, Giorgio Sangati, Peter Stein, Suzanne Stewart Steinberg, Benedetto Sicca, Anna Tedesco, Federico Tiezzi.  Per info: +39 333/3214799 – ctsantacristina@libero.it

Da non dimenticare, poi, il Gubbio Summer Festival, appena conclusosi. Katia Ghigi, direttore artistico del festival: “Abbiamo proposto un cartellone di concerti di altissimo livello, e la risposta del pubblico è stata eccellente. Ci inorgoglisce anche la grande soddisfazione espressa dagli oltre 150 studenti arrivati da tutto il mondo per partecipare alle masterclass”. “È stato un Festival eccezionale sotto tutti i punti di vista: partecipazione del pubblico, qualità dei concerti e livello delle masterclass. Sono davvero soddisfatta”. Spenti i riflettori sulla 28^ edizione del Gubbio Summer Festival, che si è concluso mercoledì 2 agosto con l’omaggio alla tradizione Kletzmer del Quartetto K, tempo di bilanci per il direttore artistico della manifestazione eugubina Katia Ghigi. “Abbiamo proposto un cartellone di concerti variegato e di altissimo livello, e la risposta del pubblico è stata ottima – sottolinea – e ci inorgoglisce anche la grande soddisfazione espressa dai tanti studenti, oltre 150, che sono arrivati da tutto il mondo per partecipare alle 20 masterclass, classiche e moderne, attivate con docenti del calibro di Felice Cusano, Christian Schmitt, Maria Siracusa e Gabriele Mirabassi, solo per citarne qualcuno”. Il Gubbio Summer Festival ha confermato così Gubbio come polo internazionale di eccellenza per il concertismo e l’alta formazione musicale, rafforzando il successo di una manifestazione che si avvia a festeggiare nei prossimi anni il proprio trentennale.

Ufficio stampa Gubbio Summer Festival –Filippo Costantini -Mg2 comunicazione – studio associato Tel 075 33390 – 328 4675591