Cristiana Avenali

Cristiana Avenali

NewTuscia – ROMA – “Bene la posizione contraria al Ceta, l’accordo commerciale concluso tra l’Unione Europea e il Canada per creare una zona di libero scambio, espressa oggi dalla Giunta della Regione Lazio.

La liberalizzazione estrema degli scambi e l’eliminazione di divieti o restrizioni all’importazione di qualsiasi merce, seguendo soprattutto un criterio economico piuttosto che di qualità, rischia di colpire profondamente il nostro modello agricolo locale, i diritti dei lavoratori, il sistema sanitario e le norme a protezione dei consumatori e dell’ambiente”, così in una nota Cristiana Avenali, consigliera PD della Regione Lazio e componente della commissione Ambiente .

“La politica della Regione Lazio è invece quella di tutelare e promuovere i prodotti agricoli e agroalimentari dei nostri territori, valorizzando le produzioni tipiche, tradizionali e di qualità. Per questo è nata la legge sulla Filiera Corta, che ho promosso personalmente: una legge utile, concreta, attesa e in molti punti innovativa, che valorizza le eccellenze dei nostri territori, anche quelle delle nostre riserve naturali e dei nostri Parchi, tutela la biodiversità e il patrimonio genetico del Lazio, promuove i prodotti di qualità e la cultura della sana alimentazione, rispettando l’ambiente e allo stesso tempo proponendo un nuovo sviluppo economico e occupazionale più sostenibile e in armonia con l’ambiente”, conclude l’Avenali.