Il carcere di Mammagialla a Viterbo

Il carcere di Mammagialla a Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Un detenuto di nazionalità italiana  prossimo al fine pena ha aggredito due agenti mentre accedeva ai passeggi. E’ accaduto  nel carcere viterbese di Mammagialla; gli agenti  hanno riportato prognosi rispettivamente di sette e trenta giorni.

La Fns cisl Lazio segnala l’inadeguatezza del regime disciplinare e delle sanzioni irrogate nei confronti dei detenuti.
L’istituto di Viterbo infatti attualmente ha un sovraffollamento di 176 detenuti in più: sono previsti 432 ma presenti 608, secondo i dati ministero giustizia del 31 maggio 2017.Per la Fns cisl Lazio occorre pertanto, l’immediato invio di congruo personale; va comunque  un plauso al personale presente al Mammagialla, che  seppur in condizione critiche opera con professionalità.

Per la Fns Cisl Lazio la previsione nella legge di stabilità 2016 di investimenti a favore del personale di Polizia Penitenziaria risulta solo un palliativo che non risolve il problema poiché vi è la necessità di adeguare alle esigenze reali le dotazioni organiche del personale di polizia penitenziaria e non certo – come avvenuto-  tagliare le piante organiche come previsto dalla legge Madia.

Il Segretario Generale Aggiunto CISL FNS

F.to Massimo Costantino