Giulio Menegali Zelli Iacobuzi risponde all’assessore Palombi

NewTuscia – VETRALLA – Ad avere le idee confuse, principalmente sulla natura e le responsabilità del ruolo che si trova ad occupare è l’Assessore Palombi. Nella sua replica l’Assessore sostiene che sussista una differenza procedurale tra concorsi per l’assunzione a tempo indeterminato e la stipula di contratti a tempo determinato. Dimentica tuttavia che, sia nell’uno che nell’altro caso, non possono nè debbono venir meno i criteri di pubblicità, trasparenza e garanzia propri di ogni atto intrapreso da un Ente pubblico. Poco importano la natura e la durata dell’incarico. Ci sono decine di sentenze che sconfessano la debole difesa dell’Assessore Palombi e sarò felice di produrle in Consiglio Comunale. In merito alla presenza del membro esterno nella commissione di gara quale garanzia di trasparcomune-vetralla 2enza egregio Assessore siamo al grottesco, infatti tale presenza, non serve ne a garantire la trasparenza ne tanto meno a qualificarne la composizione della stessa. Infatti la trasparenza come già ricordato viene garantita dalla possibilità di partecipare ai colloqui d’esame da parte dei candidati e di chi ne abbia interesse e voglia. Per quanto invece riguarda la scelta della figura esterna, anche qui non ci siamo, infatti è stata scelta come figura professionale esterna un assistente sociale quando in commissione già tale figura era presente. Perché non è stata scelta come figura professionale esterna tra i pedagogisti, sociologi o psicologi, o figure equipollenti, visto che sono anche queste le professionalità oggetto di selezione? La commissione d’esame così composta sì che sarebbe stata qualificata ad esaminare tutte le figure professionali destinatarie del bando di selezione. Inoltre ritengo grave quanto affermato a proposito del carattere abitudinario del contegno tenuto in occasione della selezione da parte della Commissione. Posso garantire che, durante il periodo in cui la Delega era affidata alla mia persona, non si sono mai svolte procedure di selezione o comunque concorsuali a porte chiuse. Se l’Assessore Palombi ha notizie e prove circostanziate di quanto afferma le renda pubbliche, altrimenti le sue affermazioni dovranno essere tenute alla stregua di illazioni diffamanti, e trattate di conseguenza. Nei prossimi giorni valuterò se la posizione dell’Assessore trova riscontro presso il Sindaco Coppari, o se responsabilmente il primo cittadino intenda far luce sugli aspetti più oscuri di questa vicenda. In caso contrario valuterò con i colleghi di opposizione le azioni da intraprendere a vario livello, per garantire e tutelare il buon nome e gli interessi dell’Ente.

Giulio Menegali Zelli Iacobuzi

Consigliere Comunale