“I graffiti di Dana” (Blog ironico sull’attualità). Presentazione e Legge sulla legittima difesa

Loredana Vaccarotti

NewTuscia – Salve e benvenuti. Oggi inizio questa nuova avventura sperando di condividerla con tanti di voi che mi leggerete …spero!

Nei “Graffiti di Dana” cosa tratto? Vi chiederete. Ma facciamo un passo indietro perché questo titolo? Non lo so, mi è venuto cosi un giorno in macchina prima di un appuntamento con Gaetano Alaimo. Dovevo comunica i graffiti di danargli il titolo del blog e, dopo un mese, ancora non lo avevo, così mi son detta: “Pensa e spremiti” ed è cosi che ho partorito. Dana è il diminutivo del mio nome Loredana. I graffiti perché tratterò curiosità, politica, cultura ecc sempre in chiave ironica e affilata come artigli e come i graffiti scriverò la verità con l’innocenza di un preistorico.

Gli articoli usciranno settimanalmente…varieranno tra curiosità locali e non…e poi politica in chiave grrr.

Ringrazio di cuore la nuova collaboratrice del nostro giornale, Loredana Vaccarotti. Certamente un blog “graffiante”, che analizza in chiave ironica ma qualificata l’attualità, è una sezione importante dell’informazione di www.newtuscia.it. Mancava per rendere ancora più generalista e completo www.newtuscia.it, giornale online ormai tra i più letti della provincia di Viterbo e esteso a tutto il centro Italia. Parleremo di attualità, cronaca, gossip, politica, fatti singolari: Loredana andrà a raccontare fatti sempre diversi con un’ironia pungente ma rispettosa di tutti. Che altro aggiungere: buona lettura!

Legge sulla legittima difesa                                                                                               

Il 4 maggio, pochi giorni fa la Camera ha varato un secondo intervento in materia di legittima difesa in attesa di passare al Senato,  detta regole nel: “garantire la massima tutela a colui che si trovi nella propria abitazione o attività commerciale”.

Ma dov’è il pomo della discordia? nei casi in cui l’aggressione viene commessa in tempo di notte…ovvero reazione a seguito dell’introduzione nei luoghi indicati con violenza alle persone o sulle cose o minaccia o con inganno.

Gli emendamenti hanno ampliato la possibilità di ricorrere all’uso di armi da parte della vittima.

Nel 1° emendamento la reazionelegittima difesa della vittima di un aggressione è considerata legittima difesa, quindi anche con le armi quando si verifica “di notte”.

Nel 2° emendamento, si precisa l’inclusione della colpa a chi reagisce.

Questa legge non è piaciuta quasi a nessuno, ma in realtà perché ha creato degli equivoci, legati alle parole notte ed ovvero…anche se in realtà voleva semplicemente rafforzare il testo nella direzione di una difesa siglata h 24.

Sui social da facebook a twitter si è concentrata la rabbia sull’emendamento. Ma effettivamente pur avendo compreso gli articoli anche io mi sono posta delle domande, del tipo: quando inizia la notte? come la stabiliamo? perché a gennaio fa buio alle 16:00, a metà giugno alle 21:00, quindi ora bisognerà vedere quando armarsi in base alle stagioni? ed ora come si fa, visto che sono state abolite anche le mezze stagioni?

Nel Medioevo ad esempio il coprifuoco iniziava al tramonto: vige la stessa regola? Mi immagino già che sui cancelli delle case e palazzi affianco alla segnaletica attenti al cane, ci sarà anche occhio all’orario.

Poi ci si chiede ma si può sparare anche durante le eclissi di sole? Mi immagino scenari surreali, con i ladri o aggressori rimandati a casa in attesa del buio, malintenzionati che timbrano il cartellino nelle prime luci del sole, armi con un sensore crepuscolare per funzionare solo in orari consentiti per legge, ma anche timori di furti nell’ora del thè.

E negli anni bisestili?

Be’ a questo punto in Italia il mestiere di ladro prevederà una sana dormita di notte e un lavoro diurno timbrando il cartellino dopo poco l’alba, diciamo un lavoro quasi in orari normali…

Ma a parte le battute ne ho viste e sentite di belle, sembra che con l’approvazione sulla legittima difesa siano diventati tutti presunti gangster….mmh…quasi quasi mi viene da simpatizzare per gli aggressori. Sono tutti agguerriti, tutti pronti e sicuri di poter sparare.

Io personalmente non so se ne sarei capace…potrei fare più tentativi, ad esempio se mi entrasse in casa un aggressore (a meno che scappi prima per il gran disordine pensando di essere arrivato troppo tardi), potrei sparargli sulla gamba e poi gli direi di tornare la sera per finirlo… della serie buona la seconda.

Oppure: il mondo si divide in due categorie: chi ha la pistola carica e chi scava …io me la scavo (dal film il buono, il brutto, il cattivo).

Tutti aggressori, ora, tutti capaci ad impugnare un arma…mah… Ma poi tutto questo cosa risolverà? Io l’ho scritto più di una volta, prima forse sarebbe stata giusta una legge sulla certezza della pena, i problemi si affrontano dalla radice.

Immaginate incidenti surreali domestici: come la strana storia di un ragazzo Messicano di 22 anni che è stato colpito da una fucilata dal suo cane. Il cane ha preso l’arma in bocca per portarla al padrone, il fucile ha lasciato partire un colpo ed il ragazzo è stato impallinato. Ma questa è la parte peggiore: il cane ha subito messo l’arma nelle zampe del gatto e si è eclissato.

In America ci sono più armi che persone. In buona parte degli Stati americani chi ha più di 21 anni può acquistare una pistola, mentre i maggiorenni di 18 possono acquistare un fucile o un fucile a canna liscia.

Basta un documento di identità per comprarne una, il venditore si limita a registrare i dati e associarli all’arma.

Qual è lesito? Indovinate un pò? sono diminuite le aggressioni? Noooo sono aumentate ed anche gli incidenti. Un rapporto del Research Service pubblicato nel 2013 ha riscontrato 78 incidenti e 547 morti solo in Usa, nel 2015 352.

In Alaska lo stato dove le armi superano il 60% le lobby dei possessori di armi sono rappresentati da lobby potenti come NRA, Safari Club International, Gun Owners or America and the National Association for Gun Rights, che ricevono soldi dalle vendite delle armi.

Ogni qualvolta una politico o associazione propongono una legislazione più restrittiva sul possesso di armi da fuoco, politici ed lobby pro armi, come la potente Nationl Rifle Association (NRA) si appellano al secondo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti che dice: Essendo necessario alla sicurezza di uno stato libero e bene organizzato di milizia, il diritto di cittadino di detenere e portare armi non potrà essere infranto (dl 1971), legge scritta in tempi diversi allora i moschetti sparavano al massimo 2 o 3 colpi al minuto , oggi armi automatiche che arrivano a sparare 100 colpi al minuto  www.focus.it.

Per cui ora vi immaginate tra le tante lobby italiane…aggiungersi anche quella delle armi al dettaglio? Tutti in fila come dal salumiere…be’ meglio impollinare che impallinare!

In mezzo alle armi, le leggi tacciono.

(Marco Tullio Cicerone)

Vi aspetto lunedì 22 chissà cosa si sparano a Monteromano…che abbiano aperto già la caccia?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21