Uscita di VivaViterbo dal consiglio comunale, Rossi: “Per noi contano solo i fatti”

loading...

NewTuscia – VITERBO – Conferenza stampa di VivaViterbo in piazza del Gesù. Motivo: chiarire dopo l’ammutinamento di ieri in consiglio comunale. Ci sono Filippo Rossi, l’assessore Giacomo Barelli e il capogruppo Maria Rita De Alexandris. Fa freddo, come il clima che  si è respirato ieri nell’aula del consiglio, in cui si è consumata l’uscita di VivaViterbo per dei dissapori sui temi della cultura e del turismo, punti di rossi barelli de alexandrisdiamante della nascita dello stesso gruppo politico.

Quindi il motivo del mancato voto, “dato da un disguido”, come ha precisato lo stesso Filippo Rossi, nel momento del Bilancio.

In realtà è stato uno l’emendamento al Bilancio che ha provocato l’uscita di VivaViterbo dal consiglio, mentre per gli altri Rossi e i suoi parlano solo di dialettica politica ma con precisa dimostrazione di intenti per raggiungere dei risultati concreti e non “il piccolo cabotaggio”.

In altre parole (ed è per questo che è stata convocata oggi la conferenza stampa), VivaViterbo, dopo anni di apparente navigazione a vista con il Pd e la maggioranza, torna ad uno scontro che ricorda i primi mesi della vittoria di Michelini, in cui erano forti i dissapori con il Partito Democratico.

Se il mancato voto con la maggioranza sul Bilancio è nato da un ritardo contingente per la riunione serrata di VivaViterbo, le differenze di vedute dal Pd sulla destinazione dei fondi del Bilancio sono grandi. Il tema della cultura e del turismo continuano ad essere la vera differenza tra la gestione di Michelini e i suoi e Rossi. Mentre i primi, secondo VV, amministrano in modo poco incisivo e senza fare mai scelte che rappresentano un vero salto di qualità per Viterbo, Rossi e i suoi avrebbero voluto scelte forti per le politiche culturali e turistiche. A cominciare dagli interventi sul teatro dell’Unione, che sono arrivati in grosso ritardo e male. “Non si può investire su una scatola vuota – ha detto Rossi – e solo per un’opera, ma si deve investire di più e per precisi obiettivi e risultati”. Il che, in altre parole, significa che VivaViterbo critica completamente la gestione amministrativa su turismo, eventi e cultura di Michelini.

Dal punto di vista politico la maggioranza si è ricompattata contro VivaViterbo, facendo capire che potrebbe farcela anche senza i due consiglieri comunali rossiani. Per VivaViterbo ciò non è un problema se ne fanno le spese la realizzazione dei progetti e un modo concreto di governare.

Qualcuno potrebbe pensare che tali dichiarazioni arrivino troppo a ridosso della scadenza della consiliatura targata Michelini, fatto sta che Rossi, Barelli e De Alexandris hanno fatto capire che sono pronti a uscire dalla maggioranza se non si agirà subito verso scelte di promozione del turismo e della cultura a Viterbo.

Che ne pensa il Centrodestra in materia?

maria rita de alexandris
giacomo barelli
filippo rossi2
filippo rossi