NewTuscia – TARQUINIA – comune-tarquinia«Bene il nuovo capitolato del servizio d’igiene urbana e no forte e chiaro al biogas». Così il candidato sindaco Anselmo Ranucci al termine dell’incontro alla sede di piazza Cavour con l’assessore Sandro Celli, i promotori del comitato e cittadini per parlare di rifiuti e raccolta differenziata.

«Quello che è stato approvato in consiglio comunale è un passo in avanti notevole verso una città ancora più verde e attenta all’ambiente. – aggiunge – Con l’assessore Celli c’è piena sintonia sull’argomento e il confronto è stato molto utile per capire tutti gli aspetti di una materia complessa».

Tra le novità l’estensione del porta a porta a tutto il territorio comunale; l’attivazione settimanale di punti raccolta controllati per ingombranti e vegetali  al Lido e nelle altre località costiere; l’aumento del 50% dei cestini stradali; i contributi CONAI interamente percepiti dal Comune; l’acquisto di eco compattatori, con un contributo provinciale, per conferire la plastica con rilascio di buoni da usare nei supermercati; l’istituzione di ispettori ambientali da parte della ditta che vincerà l’appalto.

«Il futuro non prevede marcia indietro sull’impianto in località Cunicchio-Olivastro. – conclude Ranucci – Il mio è un no secco. La preoccupazione dei tarquiniesi è la mia preoccupazione. Farò tutto quanto è nelle mie possibilità per bloccare il progetto di ampliamento. In tema di tutela del territorio e della salute dei cittadini niente sconti».