Parte “Arte e Città” a Vetralla

NewTuscia – VETRALLA – Parte “Arte e Città”, il ciclo di conferenze organizzate a Vetralla da Sistema Museale d’Ateneo, DISTU, in collaborazione con la biblioteca comunale “Alessandro Pistella”. Il primo appuntamento si terrà giovedì 6 aprile alle 17, presso il Museo della Città e del Territorio, con “La raffigurazione della città nella pittura medievale”, a cura di Maria Raffaella Menna. Oggetto della conferenza è il mutare dell’immagine della città nella pittura medievale. Dalla raffigurazione stereotipata della città fortificata e  munita di torri che, a vario titolo, vanno a rappresentare la città stessa, si passa  nel XIII secolo all’immagine della città caratterizzata dai propri specifici monumenti.

L’evento inaugura la serie di conferenze, tenute da alcuni docenti di Storia dell’arte dell’Università della Tuscia, che toccano, in vario modo, il tema sia della rappresentazione della città nell’arte, sia il rapporto che l’arte ha con la città. Si parte dal Medioevo con la visione simbolica della città, per continuare, in età moderna, quando, nella moltiplicazione di rappresentazioni di città, uno spazio particolare è dato ai singoli monumenti. Per l’età contemporanea, si è scelto di presentare un aspetto particolare del dialogo tra arte e città dove è essa stessa che diventa “contenitore” di espresvetralla_201604041184125_c8kvzw80gxm2m1wsf0o3ip74bsioni artistiche che lasciano il segno del loro messaggio con le opere di strada. Infine, vogliamo proporre, come omaggio agli studi della scuola di Enrico Guidoni, la mostra su I punti di vista e le vedute di città, risultato di una serie di ricerche sulle rappresentazioni di città dal medioevo all’età contemporanea.

Di seguito gli altri appuntamenti:

Sabato 22 Aprile, ore 17
Enrico Parlato (Storia dell’Arte Moderna), Colosseo al nero: distopie del rudere.
La conferenza s’incentrerà sulla reputazione negativa e ‘maligna’ del Colosseo dal medioevo all’età moderna.

Venerdì 12 maggio, ore 17, in occasione del  VII Convegno  di Studi  su “I centri Storici della Tuscia”
Marco Cadinu ( Storia dell’Urbanistica – Università di Cagliari) introduce il tema della Mostra, I punti di vista e le vedute di città dal XIII al XX secolo.
Ideata nel 2011 su un tema di ricerca che ha portato alla pubblicazione di due Volumi della Rivista “Storia dell’Urbanistica, 2”, dopo aver toccato importanti sedi universitarie e luoghi prestigiosi di cultura negli anni passati (Venezia, Fondazione Cini, ottobre 2011; Torino, Politecnico, Castello del Valentino, dicembre 2011; Ariccia, Palazzo Chigi, Museo del Barocco ,marzo 2012; Genzano, Palazzo Sforza Cesarini, luglio 2012; Cagliari, Pinacoteca Nazionale, ottobre 2012; Napoli, Palazzo Reale, Sala Dorica, marzo 2013; Reggio Calabria,Facoltà di Architettura -Università degli Studi Mediterranei, aprile 2014; Roma, Casa dell’Architettura, maggio 2014; Gattatico/RE, Istituto Alcide Cervi (Museo Cervi e Biblioteca/Archivio Emilio Sereni), agosto2014;  Massa Marittima, Palazzo dell’Abbondanza, novembre 2014; Praga, Istituto Italiano di Cultura, ottobre 2015-marzo 2016) la Mostra approda a Vetralla, nella sede del Museo.

Giovedì 15 giugno, ore 17
Elisabetta Cristallini (Storia dell’Arte Contemporanea), Patrizia Mania (Storia dell’Arte Contemporanea in Europa e nell’area del Mediterraneo), Raffaella Petrilli(Semiotica dei media), presentazione del volume Arte sui muri della città. Street art e Urban Art: alcune questioni aperte, edito dalla RobinRound Editrice, collana Mappe.
Il volume raccoglie gli interventi di una giornata di studi tenutasi nell’autunno scorso in Ateneo sul tema della Street Art e della Urban Art. Alcuni recenti eventi -opere di Street Art e di Urban Art censurate, cancellate o maldestramente “strappate” dal supporto originario per essere esposte in mostre, gallerie e musei- hanno riacceso il dibattito intorno alla questione della loro eventuale salvaguardia e musealizzazione. I saggi affrontano queste problematiche da vari punti di vista mettendo a fuoco gli aspetti più controversi del fenomeno.