All’EUR serve un intervento immediato non solo di pulizia del laghetto

NewTuscia – ROMA – È da qualche mese che il laghetto dell’Eur, quartiere simbolo della Roma moderna e monumentale, versa in condizioni di quasi abbandono. Passeggiando per il parco che lo circonda, infatti, si ha l’impressione di essere molto lontani dalla bellezza che un tempo caratterizzava questo luogo.

Il problema è stato sollevato con forza nei giorni scorsi   da alcuni abitanti esasperati dai cattivi odori provenienti dal laghetto.

La questione tuttavia è ben più ampia e non si lEUR ROMA LAGHETTOimita solo agli odori o alla pulizia dell’acqua.

Siamo di fronte ad una situazione emergenziale di decoro urbano, con gravissime conseguenze in termini di salute e sicurezza. L’intera zona, infatti, negli ultimi tempi è diventata terreno di “bivacchi” e “banchetti” da parte di intere comunità che regolarmente lasciano i loro rifiuti sul prato.  Inoltre, molti cittadini ci segnalano che all’interno della siepe, alta più di due metri, che circonda il lato del laghetto zona Fermi, non solo si trovano cumuli di immondizia accatastata, ma gli anfratti spesso sono utilizzati come bagni a cielo aperto e nascondigli per oggetti e persone che potrebbero aggredire i passanti senza essere minimamente scorti.

Dunque consola solo parzialmente la nota di EurSpa, proprietaria del bacino artificiale, che si impegna entro la fine del mese a rimuovere tutte le alghe – queste sembrerebbero essere la causa dei cattivi odori talmente pesanti da far pensare ad un rischio per la salute pubblica.

“Non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando di una zona ad alto interesse turistico e dunque di un’incredibile risorsa per l’intera città. La mancanza di manutenzione danneggia anche il turismo e non desta sorpresa che i professionisti del settore, anche quest’anno, non prevedono segnali di ripresa.” – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente di Federconsumatori Lazio.

Federconsumatori Lazio chiede a tal proposito l’intervento non solo del Comune e di EurSpa ma anche della Regione e di ARPA Lazio al fine di riportare l’EUR e il suo laghetto artificiale alla sua originaria bellezza, mediante politiche ambientali e di sicurezza più incisive, preservando una delle zone più affascinanti della capitale.