Nuovo collegamento autobus per studenti universitari a Perugia tra il polo didattico di Monteluce – Via del Giochetto e la mensa di Via XIV Settembre

ASSESSORE CASAIOLI: PERUGIA SEMPRE PIU CITTA UNIVERSITARIA

perugiaNewTuscia – PERUGIA – Viene istituito a Perugia un nuovo servizio autobus, riservato agli studenti, per il collegamento tra il polo didattico di Monteluce – via del Giochetto e la Mensa universitaria di via XIV Settembre, gestita dall’Adisu.

Il servizio sarà inaugurato mercoledì 15 marzo 2017, alle ore 12.30, in corrispondenza del parcheggio interno del Polo didattico con accesso da via del Giochetto.

All’iniziativa parteciperanno il Magnifico Rettore, Franco Moriconi, i delegati del Rettore per i Servizi agli Studenti Federico Rossi e per il Diritto allo Studio Carla Emiliani, che è anche Presidente del corso di laurea in Biotecnologie e Luca Ferrucci, Commissario Adisu. Per la Regione Umbria sarà presente il Assessore alle Riforme, all’Istruzione e al Diritto allo studio Antonio Bartolini, mentre per il Comune di Perugia l’Assessore al Commercio, Artigianato e Mobilità Cristiana Casaioli e Leonardo Naldini, Dirigente dell’Unità Operativa Mobilità e Infrastrutture del Comune.

“Non è un caso che abbiamo deciso di dare ufficialità a questo nuovo collegamento -ha tenuto a sottolineare l’Assessore alla Mobilità del Comune di Perugia, Cristiana Casaioli- proprio per sottolinearne l’importanza per Perugia, sempre di più città a misura di studente. L’amministrazione -ha precisato ancora l’Assessore- ha fatto un grande sforzo nella convinzione di dover venire incontro alle esigenze degli universitari e dare loro un servizio concreto, che era stato da più parti richiesto.”

Il nuovo servizio sarà effettuato tramite un bus con percorso circolare fra le due destinazioni dalle ore 12.45 alle ore 15. L’iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione fra UNIPG ed Adisu ed al significativo contributo del Comune di Perugia. La comunità studentesca afferente a Polo didattico di Monteluce – via del Giochetto consta di circa 1500 studenti che allo stato attuale non dispongono di una mensa nelle vicinanze. Il servizio costituisce una soluzione temporanea, in attesa del completamento dello studentato Adisu di Monteluce che includerà anche una mensa.

L’ATENEO AL CENTRO/PRESENTAZIONE DELL’EVENTO MARTEDI’ 14 MARZO ALLE ORE 11 ALLA SALA ROSSA DI PALAZZO DEI PRIORI

Martedì 14 marzo 2017, alle ore 11, nella Sala Rossa del Comune di Perugia, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa di orientamento universitario “L’Ateneo al centro”.

All’incontro con i giornalisti, che sarà l’occasione per illustrare tutti gli aspetti che comporranno la due giorni di orientamento –lezioni tipo e stand informativi, insieme a scontistica e agevolazioni a favore dei partecipanti all’iniziativa-  organizzata grazie alla collaborazione del Comune di Perugia, dell’Adisu e di alcune istituzioni pubbliche e private, interverranno la professoressa Anna Martellotti, delegato del Rettore per l’Orientamento, il professore Federico Rossi, delegato del Rettore per i servizi agli studenti, il professore Luca Ferrucci, commissario straordinario A.Di.S.U. e Dramane Diego Waguè, assessore del Comune di Perugia con delega alla Scuola.

“L’Ateneo torna al centro” costituisce il salone di orientamento organizzato dall’Università degli Studi di Perugia espressamente per gli Istituti secondari di secondo grado perugini e del comprensorio, al fine di sostenere e facilitare la scelta del futuro percorso formativo universitario, oltre che per fornire tutte le informazioni sui servizi e le opportunità offerte alle future ‘matricole’.

PERUGIA 1416 INCONTRA LA CITTÀ – II CICLO/ PROSSIMO INCONTRO DOMANI MARTEDI’ 14 MARZO: “BRACCIO E MONALDUCCIA FORTEBRACCI”

Continua il ciclo di conferenze relative a Perugia 1416.

Domani martedì 14 Marzo 2017, alle ore 18.00 presso la Sala Sant’Anna, Viale Roma, 15 si terrà la conferenza su: “Braccio e Monalduccia Fortebracci: il condottiero e la terziaria”.

A cura di Giovanna Casagrande

Ingresso libero

Per informazioni: 075 577 2819-2830-2812

perugia1416@gmail.com

www.perugia1416.it

CITTADINANZA ONORARIA A PIERO TERRACINA/GIOVEDI’ 16 MARZO LA CERIMONIA

Da giovedì prossimo, 16 marzo, Piero Terracina sarà cittadino onorario di Perugia.

La cerimonia di conferimento avrà inizio alle 8,30 nella Cattedrale di San Lorenzo, per poi proseguire alle, 11,00, alla Sala dei Notari di Palazzo dei Priori, alla presenza di Ruth Dureghello, Presidente della comunità ebraica di Roma, Sami Modiano, anche lui reduce di Aushwitz e amico di Terracina dai tempi del lager nazista, il giornalista Roberto Olla, scrittore, autore e conduttore televisivo, storico, conoscitore dei temi dell’antisemitismo e della Shoah.

A rendere ancora più suggestiva la cerimonia saranno i giovani cantori del Coro Kalophonix.

LA PRESIDENTE DEL GRUPPO PERUSIA DI PROTEZIONE CIVILE DONATELLA CIMBALI E LUCA CAPPUCCINI ELETTI NEL CONSIGLIO DIRETTIVO

La presidente del Gruppo comunale di Protezione Civile Donatella Cimbali e il rappresentante supplente Luca Cappuccini sono stati eletti all’interno del Consiglio Direttivo, che, a sua volta, è stato costituito nei giorni scorsi a Foligno, insieme al Collegio dei Garanti della Consulta regionale della protezione civile.

A presiedere il Consiglio è stato eletto Giuliano Santelli, del gruppo comunale di Orvieto e come vice presidente Andrea Fanelli, appartenente all’associazione geometri per la sicurezza e la Protezione Civile di Perugia.

L’assemblea elettiva ha visto la partecipazione di ben 54 delegati, un record di partecipazione che dimostra l’attivo coinvolgimento del volontariato umbro e la crescita formativa  della Protezione Civile.

Il Collegio dei Garanti della Consulta ha, invece, scelto come presidente Vittorio Aisa della confraternita Misericordia di Assisi.

Il primo confronto con la Protezione Civile regionale è fissato per domani, successivamente le nuove proposte che emergeranno saranno  sottoposte al Dipartimento di Protezione Civile Nazionale.

 FESTIVAL NAZIONALE DI LETTERATURA BAGLIORI D’AUTORE/PRESENTATA QUESTA MATTINA L’EDIZIONE 2017, DAL 17 AL 26 MARZO

Il Festival nazionale di letteratura Bagliori d’Autore, giunto alla sua dodicesima edizione, dopo aver esplorato negli anni scorsi la letteratura europea ed americana attraverso grandi autori di lingua tedesca, inglese, francese e russa, navigando nel tempo dai miti omerici alla letteratura moderna, in questa nuova edizione 2017 decide finalmente di affrontare uno dei grandi pilastri fondanti della letteratura italiana ed europea: Giovanni Boccaccio.

Era una scelta attesa da tempo, che consentirà al Festival e al pubblico dei suoi appassionati di calarsi per la prima volta nello straordinario percorso della letteratura italiana, oltre che in un periodo storico, il tardo medioevo italiano, finora mai affrontato nelle precedenti edizioni di Bagliori d’autore.

Un autore, il Boccaccio, da alcuni considerato reazionario e da altri progressista –come è stato spiegato questa mattina in conferenza stampa, tra gli altri da Bruno Taburchi, Donato Loscalzo, Francesca Goracci, Roberto Biselli- sicuramente moderno e trasversale ai tempi, che pur non avendo scritto testi teatrali è decisamente teatrale. Un autore che ha voluto rendere la donna soggetto attivo e partecipe della letteratura d’intrattenimento, con una dimensione europea della sua opera. Un autore, infine, che i ragazzi studiano a scuola, ma che grazie al festival e ai suoi tanti linguaggi, essi stessi potranno scoprire in modo diverso, originale e più coinvolgente.

“Questa dodicesima edizione di Bagliori d’Autore –ha tenuto a sottolineare l’Assessore alla Cultura Maria Teresa Severini- rappresenta un grande traguardo, con un programma eccellente che esplora il Medioevo e quindi la nostra storia.”

Dello stesso avviso anche la responsabile del servizio di valorizzazione delle risorse culturali della Regione dell’Umbria, Paola Boschi, che ha sottolineato come il festival permetta quest’anno la rivisitazione di un grande autore italiano, attraverso percorsi originali e divertenti.

Riflettori puntati, dunque, dal 17 al 26 marzo, su Giovanni Boccaccio, universalmente riconosciuto come uno dei maggiori scrittori europei del suo tempo, dotato di una straordinaria versatilità e modernità, al punto da poter essere considerato a buon diritto, con il suo geniale sperimentalismo, un ponte fra la letteratura medievale e quella moderna, il primo autore che con le sue opere si proietta a pieno titolo nel nascente umanesimo.

Come è ormai nel tradizionale taglio di Bagliori d’autore, il festival affronterà l’innovativa opera e la grande eredità del grande scrittore certaldese attraverso i più inediti piani di lettura, con un variegato ventaglio di proposte che vanno dal cinema al teatro, dall’evento musicale alle conferenze, dalla mostra fotografica alla escursione, alla cena a tema.

Come sempre, il festival non manca di portare l’autore sul palcoscenico del teatro, e in questa edizione saranno ben quattro gli spettacoli proposti Si inizierà con “Tofano e Ghita” messo in scena dalla Compagnia Canguasto per la regia di Mariella Chiarini, a cui seguirà la Compagnia Regalmente ma non troppo con “Fiamme nascoste”, una rielaborazione in chiave moderna dei testi di Boccaccio, di Lorenzo Tobia, con Lucia Baldassarri; e “Peronella” di Maurizio Modesti, tratto dalla omonima novella del Decameron e messo in scena dalla Compagnia Teatro di Sacco; e chiuderà infine il festival “Andreuccio da Perugia”, tratto dalla omonima novella e inserito in un divertente “teatro nel teatro”, per la regia di Mario Coletti e Bruno Taburchi.

Ospite di eccezione in questa edizione di Bagliori d’autore è Ninetto Davoli, l’attore romano che, in un incontro con il pubblico presso il Teatro La Sapienza, testimonierà della sua avventura cinematografica e di tutta un’epoca del cinema italiano, nel suo percorso artistico che si è lungamente intrecciato con l’opera di Pier Paolo Pasolini.

Ed è noto, per l’appunto, come proprio il cinema negli anni passati abbia attinto a piene mani dal materiale letterario del Boccaccio: da non perdere quindi la proiezione di due fra i più celebri film di Pierpaolo Pasolini, “Il Decameron” del 1971 e “I racconti di Canterbury” del 1972, nei quali lo stesso Davoli era fra i protagonisti.

Ma di cinema si continuerà a parlare, e a sorridere, anche nell’evento ospitato dal ristorante Nadir, “A cena con l’allegra brigata – La commedia boccaccesca a tavola e al cinema”, una serata a tema, durante la quale, fra un piatto e l’altro dal sapore boccaccesco, si ricorderà con parole e immagini il filone di commedia cinematografica che, negli anni settanta, si accese sulla scia del clamore suscitato dal Decameron pasoliniano.

Come ormai consuetudine da molti anni, anche la musica è presente a Bagliori d’autore 2017. L’ensemble vocale e strumentale Libercantus, un gruppo di altissimo livello tecnico e interpretativo, che già nelle scorse edizioni ha offerto splendide serate di musica, si esibirà nell’imperdibile concerto “Anticontemporaneo”, un programma di musiche moderne di A. Pärt, O.Gjeilo, G..Bonato, M. Lauridsen, J Tavener, che nello stile, nella struttura compositiva o nella scelta testuale si richiamano all’antico, e di composizioni antiche di autori medievali dal grande inalterato potere evocativo.

Palazzo Gallenga ospiterà la mostra fotografica “Boccaccio visivo”, mentre anche quest’anno si svolgerà la suggestiva escursione letteraria dedicata ai passi del Boccaccio, presso il Bosco San Francesco, ad Assisi, in collaborazione con FAI Regionale.

Come sempre, Bagliori d’autore propone un ricco programma di conferenze e approfondimenti sull’autore, le sue opere e la sua epoca. Ricordiamo quindi gli incontri “Antiche storie da ricordare”, sull’opera di Chaucer imitatore di Boccaccio, “Boccaccio e le cose (e le parole) del mondo” , “La Peste Nera del ‘300 fra cronache, letteratura e storiografia”, e infine “Dalla Novella al Testo teatrale”, premiazione del concorso riservato alle scuole secondarie di secondo grado.